Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Robinia97 » 1 ottobre 2012, 15:50

E...poi??? POSTTTTTAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1 :D :D :D :D
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 805
Iscritto il: 7 settembre 2011, 23:00
Località: Nel giorno in viaggio nel tempo con il dottore mentre la notte volo con Murty per Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da letta » 1 ottobre 2012, 17:14

Ahi ahi ahi, l'ha scoperto! :sospettoso:
Mi immagino quasi la scena... :rolleyes:
Posta presto che devo vedere come finisce! :laugh:

P.S.= un consiglio: vai un po' più di volte a capo, che il testo è più scorrevole! ;)
Per alcune persone, i libri fanno la differenza tra felicità e infelicità, speranza e disperazione, una vita degna di essere vissuta e una orribilmente noiosa.
Anjali Banerjee
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1214
Iscritto il: 12 aprile 2012, 23:00
Località: In groppa al mio bellissimo drago Arget in cerca di avventure... *-*
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Lupaccia » 11 novembre 2012, 21:18

posta posta!!! XD
Immagine
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 25 giugno 2012, 23:00
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da PuCcIaFoReVeR » 13 novembre 2012, 16:31

Pov Gemma
Murtagh si alzò di scatto, ansimante e con la paura dipinta sul volto. Mi alzai piano dal divano, dove ero seduta tranquillamente fino a trenta secondi prima, e mossi qualche passo verso di lui. Scosse la testa e uscì dalla stanza a passo svelto. Lo seguii correndo e lo vidi salire le scale a tre gradini alla volta e sentii una porta chiudersi un po’ troppo bruscamente e una chiave rigirarsi nella serratura. Ryan mi raggiunse e gi guardammo in modo interrogativo. «Credi che stia male?» gli chiesi sommessamente. Lui scosse la testa. «Chiamiamo Selena. Lei saprà cosa fare.»
Su un piccolo tavolo accanto al telefono trovammo un’agenda telefonica. Proprio quello di cui avevamo bisogno. Aprimmo la prima pagina e scorsi il dito sulle lettere impilate, fino alla S. Aprii la pagina corrispondente e iniziai a leggere i nomi. Voltai diverse pagine per assicurarmi che il numero ci fosse, ma questo era sconosciuto a quella carta. «Non c’è... e ora che facciamo?» chiesi a mio fratello. Scosse la testa e mi disse di riguardare. Fu quello che feci. Una, due, tre, quattro volte. Ma niente. Non c’era. Chiusi il libricino e mi soffermai a guardare distrattamente la copertina. Un cuore di vetro faceva da contenitore per una vecchia foto, probabilmente Selena, Murtagh ed Eragon. L’accarezzai con due dita, ripassando il contorno della cornice, quando mi venne l’illuminazione. Aprii e guardai nel retro della copertina. Tolsi i gancini che tenevano fermi cartone e vetro e osservai il retro della foto. Scritto da un bambino vi era la parola MAMMA seguita da un numero di telefono. Perfetto! Presi il telefono cordless e digitai il numero, sperando che fosse quello giusto. Suonò a vuoto le prime due volte, poi prese la linea una voce femminile. «Murtagh? Va tutto bene? È successo qualcosa ai bambini?» chiese un po’ preoccupata.
«Selena, sono io, Ryan. Murtagh sembra... beh... è... come... come se fosse sotto shock. Si è chiuso nella sua stanza e non vuole uscire...» rispose Ryan prendendomi il telefono dalle mani più veloce della luce.
«Ha mangiato dei pistacchi? Lo sa che è allergico...» chiese lei sbuffando.
«No... Ti posso assicurare che non è così... stavamo solo parlando... Cosa possiamo fare?»
«Io non posso uscire di qui... Vi manderò Eragon urgentemente...»
«Ok, grazie.»
«Ci vediamo a cena, stelline. Ricordatevi di chiamare vostra madre... sarà in pensiero...»
«Lo faremo... dobbiamo dirle dell’incidente di Murtagh?»
La voce di Selena si fece agitata e schiva. «Ehm... sarebbe... sarebbe meglio di no... per il momento ditele che state bene... ci penserò io al resto...»
«Va bene... Ciao...» Ryan posò il telefono sul tavolino e mi guardò protettivo.
*************************
Pov Murtagh
Avevo passato tutto il pomeriggio nella mia stanza a guardare il vuoto. Le mie guance tiravano a ogni mio minimo movimento, segno che avevo pianto anche un bel po’. Mi passai una mano tra i capelli e trovai diversi nodi. La camicia era stracciata e sul pavimento e diverse perline erano sparse sulla moquette. Cercai la collana che portavo sempre attorno al mio collo ma non la trovai. L’avevo rotta. Uno dei pochi ricordi di Nasuada era andato perso. Mi presi la testa tra le mani per cercare di fermare il mal di testa che mi provocava fitte alle tempie e osservai l’orologio. Erano le nove di sera. Il mio stomaco iniziò a chiedere cibo e mi sforzai di raggiungere l’armadio. Indossai una t-shirt attillata e scesi le scale a due gradini alla volta e mi trovai in cucina, impietrito davanti a Gemma e Ryan. Sangue del mio sangue. Eppure, nonostante ciò, il mio cuore aveva rallentato e il mio respiro era cessato improvvisamente. Mossi qualche passo verso il mio posto con gli sguardi di tutti addosso. Mamma mi sorrise per incoraggiarmi, mentre mio fratello e mio padre non mi degnarono nemmeno di un saluto o un cenno del capo. Mi sedetti e iniziai a mangiare, guardando di sottecchi i due bambini. «Papà, mi passeresti il sale?» chiese Eragon indicando con il cucchiaio il contenitore bianco. Sussultai nel sentire quella parola... Papà...
«Uh... Papà... anche l’olio, per favore...» Sussultai ancora. Presi il bordo del tavolo con le mani e lo strinsi più che potei, cercando di non svenire.
Mamma mi guardò preoccupata e io scossi la testa, ma il mio movimento non sembrò particolarmente deciso. «Alza il volume, papà...»
«Oh, andiamo, Eragon! È già abbastanza alto...»
«Papà... per favore, papà!» supplicò Eragon. Scattai in piedi e mi rifugiai nello studio, scivolando per terra con la testa tra le mani.

scusate il ritardo!
Immagine
La mia nuova ff... passate a leggerla :)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 31 agosto 2012, 23:00
Località: Torino
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Murtagh4e » 13 novembre 2012, 16:37

bellissimo capitolo!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Robinia97 » 13 novembre 2012, 18:34

Bel capitolo!!!! Muty in depressione, lo consolo io!!!!!!!!!!!!!! :D :D sarò un pò pignola, ma era ovvio che sull'elenco telefonico non trovassero il nome "SELENA" dato che bisogna cercare il cognome nn il nome. Perdona questa osservazione un pò pignola, cara ;) ;)
Tralasciando questo particolare insignificante, continua così!!!!!!!!
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 805
Iscritto il: 7 settembre 2011, 23:00
Località: Nel giorno in viaggio nel tempo con il dottore mentre la notte volo con Murty per Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da letta » 13 novembre 2012, 20:33

Murtagh depresso è un amore... :innamorato: Hai descritto benissimo i suoi sentimenti ;)
Per alcune persone, i libri fanno la differenza tra felicità e infelicità, speranza e disperazione, una vita degna di essere vissuta e una orribilmente noiosa.
Anjali Banerjee
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1214
Iscritto il: 12 aprile 2012, 23:00
Località: In groppa al mio bellissimo drago Arget in cerca di avventure... *-*
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Lupaccia » 21 dicembre 2012, 19:17

Ajdcsnanvcnc che doce Murtagh XD
forse un pò troppo debole di cuore XD XD
Immagine
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 25 giugno 2012, 23:00
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da PuCcIaFoReVeR » 27 maggio 2013, 14:03

Pov Selena
Non aveva neanche fatto in tempo ad entrare che era già sparito.
«Donna, va’ a vedere tuo figlio...»
«Morzan... lo sai che non mi piace quando mi chiami in quel modo... sono tua moglie...» risposi a mio marito con aria seccata, ricevendo in risposta uno sguardo in cagnesco.
Mi alzai da tavola, seguendo il mio cucciolo nello studio dove lo trovai accasciato a terra con l’aria sconvolta. Mi sedetti accanto a lui, prendendogli la testa e portandomela al petto. Si lasciò cullare per qualche minuto, poi alzò lo sguardo fissandomi con quei suoi occhi penetranti che aveva preso dal padre.
«Mamma... io... io t-ti devo dire una cosa...» mormorò sbiancando.
«Shht... tranquillo... si sistemerà tutto...» risposi accarezzandogli i capelli corvini come ero solita a fare quando piangeva da piccolo.
Anche ora, a quasi trent’anni, riusciva a calmarsi solo accoccolandosi tra le mie braccia. Rimanemmo abbracciati per diversi minuti finchè non si alzò in tutta la sua statura. Mi tese una mano, tirandomi in piedi.
«Mamma...» mi chiamò debolmente. Scossi la testa, spingendolo in cucina di peso. A metà corridoio si aggrappò con le braccia al muro, bloccando il passaggio e non muovendosi. «Murtagh...» mi lamentai cercando di spingerlo, ma lui era una statua.
«Loro...», iniziò scuotendo la testa, «sono... mi dispiace...»
Sorrisi, con sua sorpresa, e gli baciai la tempia.
«Lo so...» gli dissi cercando di essere incoraggiante il più possibile. Lui mi guardò quasi impaurito per poi abbassare lo sguardo come faceva quando suo padre lo sgridava da piccolo. «Amore... lo so... lo so e non m’importa. Non sono delusa. Voglio che tu sia felice, tutto qui.» dissi, stavolta riuscendo nel mio intento. Sorrise rilassato e annuì. «Sei la migliore, mamma.»
Vederlo in quel modo mi strappava sempre un sorriso. Non era mai stato un ragazzo dal carattere facile, fin da piccolissimo. Lo spinsi nuovamente e lui entrò in cucina salutando la famiglia. Ero riuscita a togliergli un peso dalla coscienza, ed ero fiera di me. Ma soprattutto di lui.
Immagine
La mia nuova ff... passate a leggerla :)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 31 agosto 2012, 23:00
Località: Torino
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da erica300 » 26 luglio 2013, 11:03

wow sei bravissima a scrivere tra quanto posti ???? :P ;) :inchino:
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 12 maggio 2013, 23:00
Località: al campo mezzosangue
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Zio_Torix » 16 settembre 2013, 16:03

Posta presto voglio sapere come va a finire :D
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 141
Iscritto il: 1 settembre 2013, 23:00
Località: Uru'Bean
Sesso: Femmina

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da marceline » 23 settembre 2013, 19:16

voglio leggere il continuoooooo!!!!!!
l'infanzia non va dalla nascita a una certa età (quell'età in cui il bambino è cresciuto e mette da parte le cose infantili).
L'infanzia è il regno in cui nessuno muore.
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 336
Iscritto il: 3 giugno 2013, 23:00
Località: distretto 12 <3
Sesso: Femmina

Re: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da erica300 » 9 ottobre 2013, 19:07

nn riesco più a trattenermi quindi posta prima che puoi !!! ( mi sono posta una domanda : ti sei dimenticata di noi ???) :-(
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 182
Iscritto il: 12 maggio 2013, 23:00
Località: al campo mezzosangue
Sesso: Femmina

Re: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da Brisingr92 » 10 ottobre 2013, 18:01

Molto bella, complimenti
Ammetto la mia totale delusione per non essere diventato moderatore dopo aver speso passione e disponibilità per questo sito...
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1081
Iscritto il: 28 maggio 2010, 23:00
Località: Jesolo
Sesso: Maschio

RE: Dopo inheritance ma... ai giorni nostri!

da PuCcIaFoReVeR » 14 ottobre 2013, 16:12

Pov Nasuada
Le condizioni di mio padre erano peggiorate improvvisamente durante la notte ed i medici erano stati costretti a operarlo con estrema urgenza. Ci avevano detto quando un medico era uscito dalla sala operatoria per aggiornarci sullo svolgimento dell’operazione che non erano sicuri che sarebbe sopravvissuto. Eravamo scoppiate a piangere entrambe, guardando le ore passare lentamente sull’orologio del reparto. Ma poi il medico era venuto da noi per darci la grande notizia: ce l’aveva fatta. Ci mettemmo a piangere, stavolta di gioia. Nostro padre era un guerriero, aveva sempre vinto le sue battaglie e le nostre, non si sarebbe mai arreso così facilmente. Ci affrettammo verso la sua stanza, aspettando che lo portassero da noi.

Pov Ajihad
Non capivo cosa era successo. Non riuscivo a ricordare nulla, se non di essermi svegliato nella notte con un terribile dolore al petto. Forse qualcuno dall’alto mi voleva punire per i miei gesti. Ma finalmente il dolore era passato e la mia vista cominciava a tornare. Mi sentivo come un neonato: cieco, fragile e impotente. Quanto odiavo quella sensazione! Un bagliore bianco e alcune figure sfuocate incombevano su di me ogni volta che aprivo le palpebre. Sentivo lacrime di commozione, parole piene di orgoglio su di me, e la risata sollevata e stanca della mia dolce Arya. Ad ogni battito le immagini erano sempre più nitide, finchè non riconobbi il viso della mia bambina. Chinati su di me c’erano diversi medici e lei. Oh, Arya, se solo sapessi quanto ti sono grato di essere qui accanto a me in questo momento... i medici dissero qualcosa e li vidi uscire dalla stanza e il mio sguardo incontrarono gli occhi castani di Nasuada. Gli occhi che aveva preso dalla madre, la mia amatissima Nadara, morta quando la piccola aveva solo sei anni, così belli e dolci. Si alzò in fretta, quasi inciampando, e corse verso di me, scoppiando a piangere prendendo la mia mano.

Well you only need the light when its burning low
Only miss the sun when it starts to snow
Only know you love her when you let her go
Only know you’ve been high when you’re feeling low
Only hate the road when you’re missing home
Only know you love her when you let her go



Non avevo fatto in tempo a ritrarmi. Non avevo avuto il tempo di rendermi conto di cosa stesse accadendo. Vedevo solo lei sinceramente dispiaciuta e in lacrime correre verso di me. Volevo vedere solo lei. Mi rendevo conto solo ora che non si può cancellare l’amore che si prova verso un figlio. Io la amavo, lei era la mia piccolina e nessuno avrebbe mai potuto separarci, non la lontananza, non la malattia, non il dolore, non il rancore. Lei era la mia famiglia, lei era tutto quello che avevo.

Staring at the bottom of your glass
Hoping one day you’ll make a dream last
But dreams come slow and they go so fast
You see her when you close your eyes
Maybe one day you’ll understand why
Everything you touch surely dies


Volevo lei, riallacciare i rapporti, chiederle scusa. Volevo vederla quando chiudevo gli occhi per andare a dormire, volevo conoscere i miei nipoti, chiedere loro scusa per tutti questi anni di “no” ed essere per loro un buon nonno. Volevo solo questo: guarire e tornare a vivere una vita completa insieme a loro, con Arya, con Nasuada.

Staring at the ceiling in the dark
Same old empty feeling in your heart
Cos love comes slow and it goes so fast
Well you see her when you fall asleep
But never to touch and never to keep
Cos you loved her too much and you dived too deep

Well you only need the light when its burning low
Only miss the sun when it starts to snow
Only know you love her when you let her go
Only know you’ve been high when you’re feeling low
Only hate the road when you’re missing home
Only know you love her when you let her go


________________________________
*la canzone utilizzata per questo capitolo è Let her go dei Passenger
grazie a Murtagh4e per avermi fatto scoprire questa canzone che mi ha ispirato e grazie a tutte quelle che hanno aspettato un'infinità per questo capitolo!!
Immagine
La mia nuova ff... passate a leggerla :)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 31 agosto 2012, 23:00
Località: Torino
Sesso: Femmina

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE