Elixir

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

Elixir

da Kiarya92 » 21 luglio 2011, 15:27

Salve a tutti! :)
Sono tornata con il sequel della mia precedente (ed abbastanza comica) storia su Eragon.
Per chi avesse tempo da perdere per leggerla tutta d'un fiato questo è il link --> BRISINGR - Another story

Per chi invece non ha proprio voglia di leggersi 184 capitoli (sì, ho scritto giusto non mi sono sbagliata nel numero di capitoli) ho preparato un riassunto che però, come ha detto una mia assidua lettrice (sì Svit-kona94 sto parlando proprio di te! ;)) non esprime appieno la comicità della storia.
Svit-kona94 ha scritto:Però... però... messo così... cioè, sembra una storia seria! :blink: Se qualcuno non ha letto Brisingr e legge direttamente il seguito, si illuderà di essere tra persone sane di mente!! Poveretto, mi dispiace...

--- il precedente messaggio può essere modificato se la suddetta assidua lettrice lo chiederà in modo cortese :D ---

Ora basta con le stupidaggini, eccovi il riassunto di Brisingr - Another story e il prologo di Elixir. Spero con tutto il cuore che vi piaccia e ringrazio anche DarkDragon91 per il suo contributo nella creazione della storia.

Buona lettura.

Dopo la battaglia delle pianure Ardenti, Eragon viene convocato da Nasuada, la quale gli comunica di raggiungere Uru’baen, capitale di Alagaësia e dell'impero di Galbatorix, dove il malvagio re custodiva gelosamente l’ultimo uovo di drago. Grazie all’aiuto di Vinial, una guardia elfica, Eragon riesce ad introdursi nella città e a rubare l’uovo e a tornare dai Varden, dove riparte immediatamente con il cugino Roran per l’Helgrind, la dimora dei Ra’zac, per liberare Katrina, la compagna i Roran. Dopo aver ucciso le due creature e liberato la ragazza, fanno ritorno nel Surda. La mattina seguente Eragon parte nuovamente con Arya, figlia della regina Islanzadi, e Saphira per Ellesméra, portando con loro l’uovo di drago, sperando di trovare presto l’ultimo Cavaliere. Dopo una sosta, Eragon e Arya proseguono a piedi lungo l’Az Ragni, dando appuntamento a Saphira nella Du Weldenvarden, ma sono costretti a fermarsi ad Hedarth a causa di Arya, ancora ferita dal recente scontro con Murtagh nel Surda.
Riprendono il viaggio il giorno seguente ma, quando tentano di uscire dalla città, i due vengono attaccati da due soldati: riescono ad ucciderli ma Arya, ferita gravemente, perde i sensi. Eragon riesce a raggiungere Saphira e a portare l’elfa ad Ellesméra. Dopo diverse discussioni senza senso tra Arya e la madre Islanzadi, grazie all’aiuto di Angela, Eragon riesce a trovare l’ultimo Cavaliere: l’uovo verde, infatti, si schiude al semplice tocco della principessa degli elfi, portando alla luce Arget. Eragon e Arya iniziano l’addestramento con Oromis e Glaedr. Ai due Cavalieri occorre poco tempo per rivelare i sentimenti che provano l’uno per l’altra e dopo una festa Arya rimane incinta.
I mesi passano ed Eragon è costretto a tornare nel Surda per preparare i Varden all’imminente battaglia, lasciando Arya ad Ellesméra. Dopo uno scontro con Murtagh, Eragon viene fatto prigioniero ad Uru’baen, al cospetto di Galbatorix in persona, che tenta di estrapolargli dalla mente l’identità dell’ultimo Cavaliere. Eragon non cede e viene torturato.
Grazie a dei sogni, Arya sospetta della prigionia dell’amato e parte per il Surda, dove Nasuada conferma i suoi timori. Incurante della gravidanza, parte per Uru’baen con Arget e Saphira. Eragon riesce in qualche modo a fuggire dalla prigionia, trovando Saphira fuori città. Torna immediatamente indietro venendo a sapere che Arya era entrata ad Uru’baen per liberarlo. Nello stesso istante, Arya viene fatta prigioniera dallo stesso Spettro che torturava Eragon. Dopo uno scontro tra Eragon e lo Spettro, l’elfa riesce ad ucciderlo e i due Cavalieri ritornano dai Varden, dove Arya mette alla luce una bambina: Helen.


Con la nascita di Helen arriva però un altro personaggio, una vampira di nome Chiara, trasformata all’età di 17 anni da Marcus, un altro vampiro, poco prima che morisse sul rogo accusata di stregoneria. Con il suo arrivo, altri tre vampiri, meno pacifici, raggiungono i Varden, attaccandoli. La nuova arrivata riesce ad ucciderne uno, provocando l’ira dei due sopravvissuti, che se ne vanno.
Eragon e Arya sono costretti a separarsi nuovamente: Eragon parte per il Farthen Dûr con Saphira e Chiara, per riparare l’Isidar Mithrim, rotto tempo prima dalla stessa Saphira e da Arya durante lo scontro con Durza, mentre l’elfa parte con Arget e la figlia per Ellesméra, temendo che i due vampiri potessero vendicarsi su Helen.
I due vampiri, dopo aver informato Galbatorix dei due Cavalieri, assieme a Murtagh seguono Arya fino ad Ellesméra e attaccano la città. I vampiri fanno una strage e Murtagh riesce ad uccidere Islanzadi, che rivela alla figlia l’esistenza di una sorella e le chiede di leggere il diario che custodiva nella sua stanza, ma Arya viene rapita da Murtagh assieme ad Helen.
Intanto i Varden attaccano Dras Leona, dove Galbatorix aveva inviato poche truppe e riescono a conquistare la città.
Murtagh tiene Arya prigioniera a Gil’ead, rivelandole i suoi sentimenti. L’elfa cerca di sfruttare l’infatuazione del Cavaliere e cerca inutilmente di scappare.
Nel Surda, Chiara incontra Elenoire, la stessa vampira che l’aveva attaccata tempo prima assieme ai suoi due compagni, la quale, prima di scappare, le rivela che Arya e Helen sono tenute prigioniere a Gil’ead. Tutta quella messa in scena era sicuramente una trappola per attirare lei ed Eragon a Gil’ead, ma decide comunque di informare il Cavaliere. Per liberare Arya, Chiara si finge umana e si fa arrestare di proposito da Elenoire, dopodiché riesce a far entrare Eragon dalla finestra. Raggiungono la stanza delle colonne, trovando Arya e i due vampiri ad attenderli.
Arya viene morsa dal vampiro, ma Chiara, dopo aver ucciso i due vampiri, riesce ad impedire che l’elfa si trasformi bevendo il sangue infetto. Una volta cosciente, Arya recupera Helen e rivela a Chiara di essere sua sorella. Eragon, invece, affronta Murtagh che, colto di sorpresa dalla vampira, viene ucciso. Subito dopo la vampira inizia a sentirsi male e ordina ad Arya ed Eragon di lasciarla lì e uscire prima che la prigione crolli. Prima di finire schiacciata sotto alle macerie, viene salvata da Daniel, un altro vampiro, che la accompagna dai Varden, spiegandole inoltre che l’effetto del sangue di elfo la rendeva quasi umana.
Dopo un breve periodo di tranquillità ritornano i problemi: Chiara inizia a sentire delle voci nella sua testa, che sembrano quasi farla impazzire di dolore. Eragon, Arya, Chiara e Daniel decidono di partire per Ellesméra per leggere il diario di Islanzadi e cercare informazioni sullo strano tatuaggio della vampira.
Arrivati alla città degli elfi, si celebrano i funerali di Islanzadi e l’incoronazione di Arya come regina degli elfi e i due vampiri finiscono per innamorarsi. Dopo feste ed allenamenti con Oromis, Arya decide di prendere il diario della madre, risposto in uno scrigno assieme all’anello che le aveva regalato suo padre Evandar e ad un fairth della sua famiglia. Nell’ultima pagina di diario, sua madre le racconta la storia avuta con un umano e della figlia che aveva messo al mondo, alla quale gli elfi fecero tatuare una serpe.
Dopo una serie di ricerche, Arya e Chiara scoprono che l’anello di Evandar, se indossato dalla figlia, poteva causare dolore alla vampira con un semplice tocco.
Eragon riceve una lettera da Blagden, il corvo bianco di Islanzadi, scritta proprio dalla defunta regina, mettendolo in guardia sul fatto che Arya potesse restare incinta una seconda volta e, per salvare il figlio, avrebbe dato ogni briciolo di energia presente nel suo corpo. L’unica cura era custodita nella volta delle anime, che si sarebbe aperta con il sangue del male. Poco dopo, Saphira da alla luce sei uova.
Chiara, insospettita da un’ombra che si allontana dal palazzo per raggiungere la Du Weldenvarden, decide di seguirla ascoltando la discussione tra Deynor e l’ombra misteriosa che complottano per uccidere qualcuno. L’ombra misteriosa è Daniel, il quale era stato ingaggiato per ucciderla. Riesce a scappare ed ordina al compagno di non tornare più ad Ellesméra. Il mattino seguente parte immediatamente, distrutta dagli avvenimenti della sera prima.
Ellesméra viene attaccata da dei soldati dell’Impero, guidati da un uomo incappucciato che ferisce Arya, la quale lo riconosce immediatamente: era Faolin. Quando riprende i sensi, all’appello manca un uovo di Saphira.
Chiara, nascosta in un piccolo paesino, viene attaccata dal gruppo di vampiri, tra cui Deynor, che volevano ucciderla. Arya, attraverso un sogno, riesce a capire che la sorella è in pericolo e parte per andare ad aiutarla, quando arriva attacca i vampiri che però hanno il sopravvento su di lei, ma all’ultimo momento, Chiara, che sembrava priva di vita, libera il mostro dentro di sé e uccide tutti, tranne la sorella e Daniel, che l’aveva raggiunta per aiutarla. I tre ripartono immediatamente verso i Varden, preparandosi per l’imminente scontro contro Galbatorix.
Ad Uru’baen, durante l’attacco, Chiara e Daniel salvano una bambina, Séline, mentre Arya ed Eragon, nel palazzo, trovano tre misteriose ampolle. Non sapendo cosa contenessero, decidono comunque di portarle con loro.
Sulla loro strada incontrano Faolin ed Arya decide di combattere contro di lui per consentire ad Eragon di cercare Galbatorix. Durante il combattimento, l’elfa scopre che l’ampolla contiene l’anima di Faolin. L’elfo viene messo al tappeto da Chiara, arrivata per aiutare la sorella che parte alla ricerca di Eragon, in possesso delle tre ampolle, per liberare Faolin. Quando trova Eragon, sul dorso di Saphira, che combatte contro il re e il suo drago nero, si precipita ad aiutarlo assieme ad Arget.
La battaglia prosegue a terra quando i draghi, sfiniti e feriti, non riescono nemmeno a muoversi. Arya recupera l’ampolla e libera Shruikan dal controllo del re, poi torna da Faolin, liberandolo dall’incantesimo del re.
Torna immediatamente da Eragon e combattono insieme contro Galbatorix, che usa uno stratagemma per colpire Eragon, il quale perde i sensi. Arya si trova a combattere da sola contro il tiranno, ma viene salvata ancora una volta dall’arrivo della sorella, che riesce ad uccidere il malvagio re, liberando finalmente Alagaësia.
Ritornano dai Varden ed Eragon, dopo aver scoperto la gravidanza di Arya, parte immediatamente per Vroengard con Chiara: il suo sangue era la chiave per aprire la volta delle anime. Ritornano con la cura e l’elfa è salva, ma sorge un secondo problema: anche Chiara è incinta e, a mesi di distanza, nascono David ed Eric. Séline, la bambina che Chiara e Daniel avevano salvato a Uru’baen, viene trasformata in una vampira. Eragon ed Arya, approfittando del momento di calma, si sposano.


Otto anni dopo la caduta di Galbatorix, ad Alagaësia era ritornata la pace. Per Helen ed Eric si schiudono due uova e diventano Cavalieri anche Roran e Faolin.
Ma i guai ritornano: Chiara, Daniel giungono ad Ellesméra con i loro figli, David e Séline, e raccontano ad Eragon e ad Arya una visione avuta dalla vampira su degli uomini che desideravano riportare Galbatorix in vita e di volere David.
Un gruppo di uomini e vampiri attaccano Ellesméra: a capo c’è Marcus, il Maestro di Chiara, il vampiro che l’aveva morsa e trasformata, il quale le ordina di consegnargli David. In uno scontro contro Feor, Daniel muore per proteggere la compagna, che, pronta a vendicarsi, viene fermata da Séline. La giovane vampira, innamorata di Feor, scappa con lui dopo un litigio con Chiara..
Il gruppo ritorna nel palazzo di Tialdari, dove scoprono che David, Helen ed Eric sono stati rapiti. Oromis, Eragon e Chiara partono in cerca dei bambini, mentre Arya, rimasta ad Ellesméra, viene rapita da Faolin, in combutta con una setta di umani e vampiri che volevano aprire la volta delle anime e riporre lo spirito di Galbatorix nel corpo del piccolo David. L’elfo tenta in tutti i modi di farsi dire come aprire la volta minacciando di fare del male ai suoi figli, ma Arya non cede.
Eragon, Chiara ed Oromis sono giunti sulla Grande Dorsale, nella speranza di trovare il clan di vampiri responsabile della sparizione dei bambini, e si fermano a Carvahall dove vengono a sapere di Faolin e, grazie ad una visione, scoprono dove trovarlo: sotto l’Helgrind. Ripartono immediatamente accompagnati da Angela e Sasha, la cugina dell’erborista. Nel frattempo, Arya rivela a Faolin il segreto per aprire la volta delle anime, ma viene subito liberata assieme ai figli da Angela e Sasha. Chiara, dopo essersi riappacificata con Séline e Feor, scopre dove Marcus tiene suo figlio e va da lui, trovandosi faccia a faccia con il suo Maestro, il quale le propone un accordo: un’ampolla piena del suo sangue e la testa dei due Cavalieri in cambio della libertà della sua famiglia e del ritorno di Daniel. Chiara accetta l’offerta e cerca Eragon ed Arya per ucciderli, ma riesce a fermarsi all’ultimo secondo, mettendo in atto una messa in scena coi fiocchi: i due Cavalieri si fingono morti e lei offre a Marcus l’ampolla piena di sangue fatto apparire dalla sorella con un incantesimo. Dopo un combattimento, riescono ad attirarlo alla luce dell’alba e quindi ad ucciderlo.
Ritornano a Carvahall: Chiara decide di partire immediatamente per la volta delle anime con Shruikan, dove la guardiana riporta in vita Daniel in cambio del suo dono di aprire la volta delle anime. Eragon, Arya e i loro figli decidono di partire, accompagnati ovviamente dai loro draghi, lasciando Alagaësia con una nave, verso la terra degli elfi e degli Urgali: Alalëa.



Prologo
Chiuso nel suo laboratorio nei sotterranei del palazzo osservava con intensità il pentolino posto nel camino, su un bel fuoco scoppiettante. Quando vide la pozione bollire la tolse dal fuoco, versandola in una piccola fiala riempiendola fino all’orlo ed appoggiandola poi sul suo tavolo da lavoro.
Prese la sua sedia sgangherata, mettendosi gli occhiali sul naso e leggendo per la centesima volta le istruzioni del Libro Nero che descriveva dettagliatamente ogni processo per produrre quel potente elisir. Lanciò un’occhiata al liquido azzurro nella fiala e deglutì: ora mancava un ultimo passaggio. La pozione, in quello stato era più innocua dell’acqua e per terminare l’opera e far sì che compi i suoi effetti, doveva trasferire il suo potere magico nell’elisir, sacrificando la sua vita.
Si riscosse dai suoi pensieri nel sentire un lento bussare alla porta. Chiuse il Libro Nero, ormai inutile, e diede il permesso di entrare.
- Allora Viktor? - domandò l’uomo appena entrato - Sono impaziente di vedere gli effetti del tuo elisir -
Riconobbe immediatamente la voce del generale Nahr e si voltò verso di lui: era un uomo alto e possente, di circa quarant’anni, senza nemmeno un capello in testa ma con una leggera barba che gli cresceva sul mento.
- Mio signore, l’elisir è pronto ma manca un ultimo passaggio -
gli occhi di ghiaccio del generale sembravano volessero trafiggerlo - E cosa stai aspettando? -
- È una cosa delicata, mio signore - rispose - Devo trasferire la mia magia nell’elisir e questo comporterà la mia morte -
- Sai cosa ti aspetta se tenti di nuovo di scappare, vero? -
- Sì, signore -
- Vedi di muoverti - disse il generale in tono freddo, facendo una smorfia nel squadrarlo dall’alto in basso - Voglio l’elisir entro stasera -
Fece un piccolo inchino e il generale uscì dal suo laboratorio.
Si voltò verso la fiala, scrutandola preoccupato. Aveva due modi per morire: essere costretto dal generale a trasferire il suo potere nell’elisir o farlo spontaneamente, facendo diventare quella pozione un’arma temibile nelle mani di Nahr.
Allargò le braccia ed iniziò a recitare una lenta preghiera, iniziando l’ultima fase della preparazione. L’elisir azzurro all’interno della fiala sembrò illuminarsi.
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 1 novembre 2008, 0:00
Località: Verona
Sesso: Femmina

Re: Elixir

da Svit-kona94 » 21 luglio 2011, 17:19

Kiarya92 ha scritto:Per chi invece non ha proprio voglia di leggersi 184 capitoli (sì, ho scritto giusto non mi sono sbagliata nel numero di capitoli) ho preparato un riassunto che però, come ha detto una mia assidua lettrice (sì Svit-kona94 sto parlando proprio di te! ;)) non esprime appieno la comicità della storia.
Svit-kona94 ha scritto:Però... però... messo così... cioè, sembra una storia seria! :blink: Se qualcuno non ha letto Brisingr e legge direttamente il seguito, si illuderà di essere tra persone sane di mente!! Poveretto, mi dispiace...

--- il precedente messaggio può essere modificato se la suddetta assidua lettrice lo chiederà in modo cortese :D ---


Per l'assidua lettrice il messaggio può restare così, tanto per dare un'idea sul livello mentale che accomuna il tuo fanclub :sleep:
E l'assidua lettrice non ha neanche avuto voglia d leggere il riassunto, quindi si affida totalmente al seguito :D

Intrigante come inizio :O Mi dispiace solo per il poveretto che dovrà morire, ma tanto non lo conosco, quindi ceste cammello :sleep:

Kiaretta, che casino hai fatto con i topic?? :laugh: :laugh:


PS: l'assidua lettrice è stata la prima a commentare, nonostante il ritardo (me n'ero dimenticata XD) oh yeah!
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1422
Iscritto il: 28 agosto 2008, 23:00
Località: In un posto sperduto tra i miei libri!
Sesso: Femmina

Re: Elixir

da Kiarya92 » 21 luglio 2011, 17:22

Svit-kona94 ha scritto:
Kiarya92 ha scritto:Per chi invece non ha proprio voglia di leggersi 184 capitoli (sì, ho scritto giusto non mi sono sbagliata nel numero di capitoli) ho preparato un riassunto che però, come ha detto una mia assidua lettrice (sì Svit-kona94 sto parlando proprio di te! ;)) non esprime appieno la comicità della storia.
Svit-kona94 ha scritto:Però... però... messo così... cioè, sembra una storia seria! :blink: Se qualcuno non ha letto Brisingr e legge direttamente il seguito, si illuderà di essere tra persone sane di mente!! Poveretto, mi dispiace...

--- il precedente messaggio può essere modificato se la suddetta assidua lettrice lo chiederà in modo cortese :D ---


Per l'assidua lettrice il messaggio può restare così, tanto per dare un'idea sul livello mentale che accomuna il tuo fanclub :sleep:
E l'assidua lettrice non ha neanche avuto voglia d leggere il riassunto, quindi si affida totalmente al seguito :D

Intrigante come inizio :o Mi dispiace solo per il poveretto che dovrà morire, ma tanto non lo conosco, quindi ceste cammello :sleep:

Kiaretta, che casino hai fatto con i topic?? :laugh: :laugh:


Ahahahah un casino assurdo! Ma succede solo a me che quando sto per mandare si blocca tutto?!?! E poi ho schiacciato due volte invia :P
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 1 novembre 2008, 0:00
Località: Verona
Sesso: Femmina

RE: Elixir

da duvrangrgata » 21 luglio 2011, 18:14

Eccomi! :D a costo di fare una brutta figura, ammetto di aver riletto pure il riassunto, dopotutto ho letto la precedente FF qualcosa tipo 2 anni fa, e volevo essere sicura di ricordarmi tutto ;)
Quoto Svit-kona per il povero morto, ma tanto non lo conosco quindi amen xD Direi che l'inizio fa presagire già qualche problema... Continua presto! :D
Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2836
Iscritto il: 12 gennaio 2009, 0:00
Località: Nella California del 2019, a combattere la Better Living insieme ai miei amati Killjoys
Sesso: Femmina

RE: Elixir

da Tobia92 » 21 luglio 2011, 19:53

Come fate ad essere così ciniche? Cioè, poveretto... la sacralità della vita... bla bla bla... ok, del povero maghetto non gliene frega niente a nessuno :sleep: :sleep:

Un po' piccolo il prologo. Ho visto tutto il viola e mi aspettavo un bel capitolo insieme al riassunto e invece nulla -_-
Vorrà dire che compenserai la prossima volta, vero? :P
Continua presto! ;)

P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D
Ultima modifica di Tobia92 il 21 luglio 2011, 19:55, modificato 1 volta in totale.
Tobia, fabbro

Un cavaliere è votato al coraggio,
La sua forza protegge i deboli,
La sua spada difende gli inermi,
La sua ira abbatte i malvagi,
Le sue parole dicono solo la verità!
[Dragonheart, l´Antico Codice]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1967
Iscritto il: 28 ottobre 2008, 0:00
Località: Milano
Sesso: Maschio

Re: RE: Elixir

da Kiarya92 » 21 luglio 2011, 19:54

Tobia92 ha scritto:Come fate ad essere così ciniche? Cioè, poveretto... la sacralità della vita... bla bla bla... ok, del povero maghetto non gliene frega niente a nessuno :sleep: :sleep:

Un po' piccolo il prologo. Ho visto tutto il viola e mi aspettavo un bel capitolo insieme al riassunto e invece nulla -_-
Vorrà dire che compenserai la prossima volta, vero? :P
Continua presto! ;)

Aggiunto dopo 1 minuti:

Come fate ad essere così ciniche? Cioè, poveretto... la sacralità della vita... bla bla bla... ok, del povero maghetto non gliene frega niente a nessuno :sleep: :sleep:

Un po' piccolo il prologo. Ho visto tutto il viola e mi aspettavo un bel capitolo insieme al riassunto e invece nulla -_-
Vorrà dire che compenserai la prossima volta, vero? :P
Continua presto! ;)

P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D


Mi sembra ovvio!!! ;)
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 1 novembre 2008, 0:00
Località: Verona
Sesso: Femmina

Re: RE: Elixir

da Svit-kona94 » 21 luglio 2011, 20:01

Kiarya92 ha scritto:
Tobia92 ha scritto:P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D


Mi sembra ovvio!!! ;)


Noo voglio Danza Kuduro!! XD
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1422
Iscritto il: 28 agosto 2008, 23:00
Località: In un posto sperduto tra i miei libri!
Sesso: Femmina

Re: RE: Elixir

da Tobia92 » 21 luglio 2011, 20:02

Kiarya92 ha scritto:
Tobia92 ha scritto:Come fate ad essere così ciniche? Cioè, poveretto... la sacralità della vita... bla bla bla... ok, del povero maghetto non gliene frega niente a nessuno :sleep: :sleep:

Un po' piccolo il prologo. Ho visto tutto il viola e mi aspettavo un bel capitolo insieme al riassunto e invece nulla -_-
Vorrà dire che compenserai la prossima volta, vero? :P
Continua presto! ;)

Aggiunto dopo 1 minuti:

Come fate ad essere così ciniche? Cioè, poveretto... la sacralità della vita... bla bla bla... ok, del povero maghetto non gliene frega niente a nessuno :sleep: :sleep:

Un po' piccolo il prologo. Ho visto tutto il viola e mi aspettavo un bel capitolo insieme al riassunto e invece nulla -_-
Vorrà dire che compenserai la prossima volta, vero? :P
Continua presto! ;)

P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D


Mi sembra ovvio!!! ;)


Con questo doppio post rispondo anche alla tua domanda su "Quando EI si incastra" :D
Tobia, fabbro

Un cavaliere è votato al coraggio,
La sua forza protegge i deboli,
La sua spada difende gli inermi,
La sua ira abbatte i malvagi,
Le sue parole dicono solo la verità!
[Dragonheart, l´Antico Codice]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1967
Iscritto il: 28 ottobre 2008, 0:00
Località: Milano
Sesso: Maschio

Re: RE: Elixir

da duvrangrgata » 21 luglio 2011, 20:24

Svit-kona94 ha scritto:
Kiarya92 ha scritto:
Tobia92 ha scritto:P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D


Mi sembra ovvio!!! ;)


Noo voglio Danza Kuduro!! XD

ahahah xD devo dire che anche danza Kuduro non è male come idea, ma ormai Disturbia è insostituibile!
Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2836
Iscritto il: 12 gennaio 2009, 0:00
Località: Nella California del 2019, a combattere la Better Living insieme ai miei amati Killjoys
Sesso: Femmina

Re: RE: Elixir

da Svit-kona94 » 22 luglio 2011, 11:03

duvrangrgata ha scritto:
Svit-kona94 ha scritto:
Kiarya92 ha scritto:[quote="Tobia92"]
P.S. Si ricomincia con Disturbia o c'è un nuovo tormentone, questa stagione? :D


Mi sembra ovvio!!! ;)


Noo voglio Danza Kuduro!! XD

ahahah xD devo dire che anche danza Kuduro non è male come idea, ma ormai Disturbia è insostituibile![/quote]

Basta non cambiare spacciatore u.u
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1422
Iscritto il: 28 agosto 2008, 23:00
Località: In un posto sperduto tra i miei libri!
Sesso: Femmina

RE: Elixir

da lukix59 » 22 luglio 2011, 11:13

Zi zi,sembra niente male pure questo inizio perciò promette bien,sinceramente m'aspettavo anch'io na cosa più lunga ma tanto sono sicuro che a storia ultimata sarà una cosa abnorme,però non pare very funny dal prologo e spero che lo diventi che un paio di risate durante la lettura fan sempre bene.

:yes:
My youtube channel-http://www.youtube.com/feed/?feature=guide

They can all get fucked just stay true to you-Eminem
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 479
Iscritto il: 15 novembre 2009, 0:00
Località: La Città Eterna
Sesso: Maschio

Re: RE: Elixir

da DarkDragon91 » 22 luglio 2011, 11:57

lukix59 ha scritto:Zi zi,sembra niente male pure questo inizio perciò promette bien,sinceramente m'aspettavo anch'io na cosa più lunga ma tanto sono sicuro che a storia ultimata sarà una cosa abnorme,però non pare very funny dal prologo e spero che lo diventi che un paio di risate durante la lettura fan sempre bene.

:yes:


Ma come parli? Usa l'italiano, se non ti dispiace.
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 212
Iscritto il: 9 marzo 2010, 0:00
Località: proprio dietro di te...
Sesso: Maschio

RE: Elixir

da lukix59 » 22 luglio 2011, 12:26

Veramente sul regolamento c'è scritto che non è consentito linguaggio sms e io ho scritto in italiano,con due parole in inglese non abbreviato e una in spagnolo,quindi come da regolamento,poi non mi dire che non hai capito le parole in inglese e spagnolo perchè non ci credo visto che parto dal presupposto che inglese l'hai fatto e non sei deficiente.
My youtube channel-http://www.youtube.com/feed/?feature=guide

They can all get fucked just stay true to you-Eminem
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 479
Iscritto il: 15 novembre 2009, 0:00
Località: La Città Eterna
Sesso: Maschio

RE: Elixir

da duvrangrgata » 22 luglio 2011, 16:23

DarkDragon91 sottotitoli a pagina 777 di televideo! :P
Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2836
Iscritto il: 12 gennaio 2009, 0:00
Località: Nella California del 2019, a combattere la Better Living insieme ai miei amati Killjoys
Sesso: Femmina

RE: Elixir

da Kiarya92 » 22 luglio 2011, 17:05

Capitolo 1 - Aysméra
Due Cavalieri erano seduti su un tronco in una piccola radura, nascosta da dei maestosi pini di proporzioni gigantesche.
Lei, non era cambiata per niente. I lunghi capelli corvini erano quelli di sempre, i lineamenti affilati, tipici del suo popolo, e le orecchie a punta, che diventarono leggermente rosse quando il Cavaliere appoggiò la mano sulla sua.
Si voltò, gli stessi occhi verdi che, tuttavia, sembravano un po’ spenti; e sorrise al compagno, molto simile a lei: gli stessi lineamenti, le orecchie a punta, tutte caratteristiche che aveva acquisito con l’Agaetì Blödhren, la Celebrazione del giuramento di sangue, tenuta diversi anni fa, ma gli occhi marroni che brillavano ogni volta che sussurrava il suo nome, di cui si era innamorata, erano rimasti sempre gli stessi.
- Mi sembri pensierosa oggi -
- Vecchi ricordi mi affollano la mente - sussurrò tornando a guardare la foresta che la circondava.
- Alagaësia? -
Sembrava leggerle nella mente - Sono otto anni che siamo partiti, Eragon -
- Vorresti ritornare? -
Schiuse appena le labbra, provando a rispondere, ma all’arrivo di sua figlia, lasciò perdere - Helen... - la salutò.
La sua piccola, ormai aveva compiuto diciotto anni. Era esattamente la sua copia, era identica a lei in tutto e per tutto, soprattutto dal punto di vista del carattere, anche se sua figlia sembrava un po’ più aperta verso gli altri.
- Avete visto Eric? -
Guardò il marito ed alzò le spalle, voltandosi di nuovo verso la figlia - No, perché? -
- Perché abbiamo fatto una scommessa e... - iniziò l’elfa, interrotta da un’ombra che sbucò da dei cespugli di rose selvatiche, saltandole addosso e facendola cadere a terra.
- Presa! -
Osservò il personaggio che era appena saltato addosso alla figlia: un giovane elfo dai capelli biondi come l’oro, tenuti corti, i tipici lineamenti affilati della loro specie e gli occhi azzurri come il limpido cielo in primavera.
- Adryén! Avanti lasciami -
- No, adesso sei mia - sussurrò il giovane elfo, appoggiando le labbra sulle sue.
Lei ed Eragon si guardarono, tossicchiando poi all’unisono, facendo staccare i due giovani amanti che, lentamente si alzarono in piedi: Helen divenne, completamente rossa fino alla punta delle orecchie, mentre Adryén sorrise, alzando semplicemente le spalle - Perdonatemi Cavalieri dei draghi, ma sono pazzo di vostra figlia -
- Adryén... - l’ammonì sua figlia diventando, se possibile, ancora più rossa.
- Non preoccupatevi! - esclamò Eragon, al suo fianco, che si alzò di scatto in piedi mettendosi le mani sui fianchi - Facevamo di peggio! -
Sconvolta, cadde di schiena dal tronco - ERAGON! -
- Ma è la verità tesoro -
Fece un respiro profondo, balzando in piedi - AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHH!!!!!!!! -
Tutti la guardavano con espressione sconvolta, per quell’improvviso attacco di nervi. Eragon le si avvicinò e le appoggiò una mano sulla spalla - Non dovresti comportarti in questo modo nelle tue condizioni -
- Quali condizioni? -
- Beh, non so se te ne sei accorta ma...sei vecchia, Arya -
Fece per urlare un’altra volta, ma si bloccò quando un’elfa sbucò dal folto della foresta, fermandosi, ansimando, accanto ad Helen. La nuova arrivata aveva dei lunghi capelli castani, mossi come le onde di un mare in tempesta, perennemente spettinati. I suoi occhi erano di un castano talmente chiaro da sembrare quasi dello stesso colore dell’oro.
- Kayleena? Cosa ci fai qui? - domandò Helen.
- Avete visto Eric? - chiese la giovane, riavviandosi all’indietro i capelli, togliendosi dei ciuffi ribelli dalla fronte.
Tutti scrollarono la testa come risposta, prima di puntare lo sguardo su un’ombra che correva tra gli alberi, urlando e zigzagando a destra e a sinistra.
- Le api!!!!!! Le api!!!!!!!!! Scappate!! -
- Eric sei peggio di Winnie the Pooh!! - urlò Helen cominciando a ridere.
Il suo piccolo elfo di diciassette anni li raggiunse, osservando lo sciame di api che lo inseguivano. Kayleena, con rapido gesto della mano e alcune parole sussurrate appena, arrestò le api, che cambiarono direzione e volarono lontano da loro. L’elfa tirò un sospiro di sollievo - Eric, dove ti eri cacciato? -
- Io...in giro -
- Ero preoccupata, stupido incosciente che non sei altro. Perché diavolo vai a cacciarti in questi guai? Non sei più un bambino! Abbiamo diciassette anni ormai - lo rimproverò l’elfa.
Sorrise, mettendosi le mani sui fianchi, tossicchiando per attirare l’attenzione - L’abilità di cacciarsi nei guai l’ha ereditata da qualcuno...- sussurrò facendo l’occhiolino a Kayleena ed indicando Eragon al suo fianco, che si girava i pollici.
- OH! Sono un bravo ragazzo! -
Sbuffò - Oramai non sei più un ragazzo Eragon, direi più...che sei un bravo vecchietto! -
- Ma tu di più! Vecchietta arrogante che non sei altro! - urlò il Cavaliere facendo dondolare a pochi millimetri dal suo naso, uno strano oggetto gommoso, con i tentacoli e di uno strano color viola.
- QUELLA COSA!!!!!!!! DA QUANTO CE L’HAI?!?!?!?! TE LA SEI PORTATA DIETRO DA ELLESMÉRA VERO?!?!?!?! -
- E in più...- iniziò il marito frugando nella tasca della tunica - Ta Dan!!!!! -
Ora, davanti al suo naso c’erano due Splaffy: uno più grande, quello viola; e uno più piccolo color pesca.
- Splaffy II -
- Non dirmi che... - disse scandendo parola per parola, cercando di trattenere la rabbia contro quell’affare.
- Il figlio! Illegittimo però...perché a Splaffy senior piaceva andare a p...-
- ERAGON!!!!!!!!!! - urlò, saltandogli addosso e mettendogli una mano sulla bocca.
Il Cavaliere si liberò, scattando in piedi e nascondendo di nuovo quei due affari di gomma - Calma Arya, fai un bel respiro profondo...-
Si risedette sul tronco, incrociando le braccia al petto - Stupido - sussurrò alzando lo sguardo verso il cielo, di un limpido azzurro, solcato da qualche nuvola bianca, ed ignorò la combriccola che aveva cominciato di nuovo a bisticciare.
Sorrise senza motivo, ripensando al loro viaggio.
Da quando erano partiti da Alagaësia, otto anni fa, pochi mesi di viaggio su quella nave, e avevano trovato un’altra terra: la terra dei suoi antenati: Alalëa; ed erano arrivati nella città più grande: Aysméra.
Gli abitanti di quella città di mare subito erano stati diffidenti nei loro confronti, ma poi, vedendo anche i quattro draghi che li accompagnavano, li avevano accolti con tutti gli onori, senza sapere chi fossero.
Ad ospitarli per le prime settimane fu Kythea, la madre di Kayleena, allora ancora una bambina della stessa età di Eric, con solo un paio di mesi di differenza. Non c’era nessuno alla loro guida, avevano vissuto in tutta tranquillità la loro vita immortale, senza umani, nani o altre strane creature; ma per loro sfortuna, anche i draghi ben presto scomparvero.
Helen, ancora bambina, aveva conosciuto Adryén, l’erede di un’importante e antica famiglia della città di qualche anno più grande di lei. Erano cresciuti insieme, giocando nei boschi, combinando guai, ed ora, ormai grandi per quel genere di cose, avevano scoperto un’altra cosa: l’amore.
La stessa storia si ripete con Eric e Kayleena, ma non con lo stesso dolce finale.
A quanto sapeva, si erano conosciuti nella grande biblioteca della città, racchiusa in un’enorme albero, che conteneva centinaia e centinaia di libri su svariati argomenti. Al tempo, Eric, non trovando nessuno con cui giocare, essendo molto timido, aveva cominciato ad andare in biblioteca, dove passava interi pomeriggi a leggere storie e leggende solo per passare il tempo; Kayleena, a sua volta timida, ma, al contrario di Eric, amava ogni genere di libro e non c’era domanda di cui non sapeva la risposta e conosceva antichi incantesimi che nessuno, ormai, conosceva più. Si erano scontrati per caso in biblioteca ed avevano cominciato a parlare e, infine, fecero amicizia. I loro pomeriggi passavano quasi spesso in biblioteca, ma di tanto in tanto, uscivano a giocare.
Scrollò la testa, risvegliandosi da quei vecchi ricordi, e puntò lo sguardo su Kayleena, che osservava suo figlio con un luccichio negli occhi dorati, mentre Eric non la guardava nemmeno.
Erano un paio d’anni che lei lo guardava così, mentre lui osservava altre giovani elfe; una in particolare, un’elfa dai lunghi capelli biondi e gli occhi simili a quelli di Adryén. Non conosceva il suo nome, ma aveva sorpreso il figlio a sbavarle dietro come un cagnolino. Cécile l’aveva chiamata una volta, preso da un sogno ad occhi aperti.
- Noi andiamo a fare un giro - sussurrò Helen, prendendo per mano il suo compagno, e sparendo di nuovo nella boscaglia.
- Eragon, perché non vai avanti con Eric? Vi raggiungo subito - sussurrò, tenendo lo sguardo sull’elfa, che ora la guardava con le guance arrossate.
- D’accordo, vieni Eric - sussurrò Eragon, dando una pacca sulla spalla del figlio; ed anche loro scomparvero.
- Kayleena - sussurrò.
L’elfa deglutì, portando le mani dietro la schiena - Sì, Cavaliere? -
- Solo Arya, non preoccuparti di queste inutili formalità -
La mora annuì, poco convinta.
- I tuoi occhi brillano quando guardi mio figlio - iniziò, passandosi una mano nei capelli corvini - Dovresti dirglielo -
Kayleena arrossì ancora di più, distogliendo lo sguardo - Come posso dire a suo figlio quello che provo, quando lui guarda...Cécile - concluse lei amareggiata.
- Il mio consiglio l’hai avuto, ora sta a te decidere cosa fare -
***
Camminava tranquillamente a fianco del padre, alzando gli occhi al cielo quando vide Arget rincorrere Eridor, il suo drago bianco. Si domandò quando avrebbe imparato a combattere insieme a lui.
- So cosa stai pensando - disse suo padre interrompendo i suoi pensieri.
- E sai darmi una risposta? -
- Quando tua madre smetterà di trattarti come il suo piccolo cucciolo -
Sbuffò - Questo vuol dire che non imparerò mai -
- Credo che qualcuno ti stia cercando - disse Eragon, facendo un cenno verso la foresta dov’erano appena usciti.
Si voltò verso il punto indicatogli dal padre ed osservò sua madre e Kayleena uscire dalla boscaglia. Vide l’amica lanciare un’occhiata ad Arya, che le aveva appena detto qualcosa a bassa voce e dato una pacca leggera sulla schiena, continuando a camminare verso di lui, con le guance leggermente arrossate.
Quando le due li raggiunsero, Arya, canticchiando sottovoce la sigla di Beautiful, prese Eragon sottobraccio e si allontanarono, lasciando lui e Kayleena lì da soli.
- Cosa ti ha detto mia madre? -
L’elfa dai capelli del color della terra, scosse energicamente la testa - Niente di importante -
Annuì appena con la testa, lasciando perdere la strana reazione dell’amica, e tirandosi su la manica destra della camicia che si ostinava a calare fino ai polsi ogni volta che si muoveva - Cosa ne dici di andare fino alla spiaggia? - le domandò, passandosi una mano sulla fronte sudata - Oggi c’è più caldo di ieri e non c’è nemmeno un po’ di vento -
L’elfa si passò una mano nei capelli, osservando il cielo - Non lo so, in questi giorni la spiaggia è sempre affollata -
- Forse perché è estate, sapientona! -
Kayleena lo fulminò con uno sguardo di fuoco.
- E poi cosa importa? - domandò ancora - Stiamo lì, sotto ad un albero -
- Mentre il tuo drago ci bagna da capo a piedi -
“Lo faccio involontariamente” disse Eridor nella sua mente e, probabilmente, anche in quella dell’elfa, che rise piano con la sua bellissima voce cristallina “Anch’io ho caldo!” aggiunse il drago, spaparanzato chissà dove nella foresta in cerca di refrigerio.
- Non ti preoccupare. È bello vederti sguazzare nell’acqua -
“Ah! Allora ammetti che sono stupendo!”
- E vanitoso - aggiunse l’elfa, sia a voce, sia a mente; ma poi, rivolta solo e soltanto a lui, sorrise imbarazzata - Che ne dici se per oggi ci accontentiamo della biblioteca? -
Lanciò un sospiro, rispondendo al suo sorriso - D’accordo, ma domani andiamo alla spiaggia. Non voglio sentire scuse -
- Promesso -
- Facciamo a chi arriva prima? -
- Eric, non essere infantile - sbuffò l’amica, cominciando subito a correre come una forsennata, lasciandolo lì da solo, impalato in mezzo al prato.
- Non è giusto! - esclamò, cominciando a correre più veloce che poté, superando l’amica in quattro e quattr’otto, facendole mangiare la polvere.
Arrivò per primo alla grande biblioteca, formata da diversi alberi i cui tronchi si intrecciavano tra loro, formando uno stupendo tetto di rami e foglie che, grazie ad un incantesimo, non cadevano mai.
Kayleena lo raggiunse poco dopo, mettendosi le mani sui fianchi e piagandosi in avanti, tentando di riprendere fiato. Le diede una pacca sulla schiena, ridendo - Non sarai stanca per una piccola corsa? -
La mora alzò lo sguardo, fulminandolo con un’occhiata che avrebbe ucciso un Urgali, e non gli rispose, limitandosi ad abbassare nuovamente lo sguardo e a respirare profondamente.
Sapeva che Kayleena e tutti gli elfi di quel posto non erano come loro, come gli elfi di Alagaësia: non erano né forti né veloci, ma avevano una particolarità che li rendeva altrettanto potenti, se non di più. La loro energia magica sembrava non esaurirsi mai.
Se n’era accorto tempo fa, durante uno scontro amichevole di magia con l’amica, che aveva lanciato degli incantesimi talmente potenti che lui non si sarebbe mai permesso di eseguire per evitare di perdere i sensi o addirittura morire. Quando le chiese spiegazioni, Kayleena si era limitata ad alzare le spalle - È sempre stato così qui - gli aveva detto - Il nostro popolo ha imparato ad instaurare un profondo legame con la natura, ben più grande di quanto voi possiate immaginare. La nostra magia sembra infinita, ma non è così: attingiamo potere da ciò che ci circonda, poco alla volta, in modo da non causare alcun danno agli alberi e agli animali che ci trasmettono la loro energia in continuazione -
Sapeva che la questione era ben più complicata di come Kayleena gli aveva spiegato, ma non aveva indagato oltre.
Kayleena si sedette sull’erba, lanciando un sospiro - La prossima volta, giuro che ti blocco con un incantesimo -
- La prossima volta ti lascio dieci secondi di vantaggio - disse - Ora andiamo nella tua biblioteca...-
***
- Basta che non combini guai come l’altra volta -
- Non ho fatto niente di male l’altra volta -
- L’ultima volta hai allagato l’archivio e la bibliotecaria ci ha fatto ripulire tutto senza magia -
- Ah ora ricordo, avevi una faccia quando la bibliotecaria ci ha sorpresi con le mani nel sacco -
- “Ci ha sorpresi”? - domandò - Sbaglio o eri tu quello che mi ha lanciato una sfera d’acqua? -
- Che però non ti ha colpita -
Sbuffò, mettendosi le mani sui fianchi - Solo perché ho buoni riflessi e... - si bloccò, osservando un gruppo di persone alle spalle dell’amico. Eric si voltò immediatamente, riconoscendo una voce familiare: Cécile passò loro accanto accompagnata da alcune compagne, belle quanto lei. L’elfa, dopo essersi passata una mano nei capelli del color dell’oro, lanciò un’occhiata al Cavaliere, salutandolo con un lieve cenno. Alzò gli occhi al cielo e sospirò: ora l’amico non avrebbe fatto altro che fantasticare su Cécile per ore, dandole sui nervi.
Quando il gruppetto di elfe si allontanò si mise davanti all’amico, agitandogli una mano davanti agli occhi verdi, persi nel vuoto.
- Sveglia testone -
- Mi ha sorriso... -
Alzò gli occhi al cielo - Sì, ti ha sorriso -
- Sono sicuro che è pazza di me -
- Ah ah - sussurrò, mettendosi le mani sui fianchi - Possiamo andare in biblioteca adesso? -
- Perché è così bella? -
Gli diede le spalle, lanciando un’imprecazione, e si avviò verso la biblioteca.
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1428
Iscritto il: 1 novembre 2008, 0:00
Località: Verona
Sesso: Femmina

Prossimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE