Il quarto libro

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

RE: Il quarto libro

da Champ-Finiarel » 15 marzo 2011, 21:56

POSTA, O MUORIIIIIIIIIIIII
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 568
Iscritto il: 26 giugno 2009, 23:00
Sesso: Maschio

RE: Il quarto libro

da Sophira97 » 27 marzo 2011, 12:31

Ahhhhhhh l' ho letta tutta ora sei un genioooooooooooooooo

Quoto posta o muori
i libri non hanno segreti per chi sa leggere con gli occhi della mente
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 293
Iscritto il: 30 luglio 2010, 23:00
Località: oltre le nuvole
Sesso: Femmina

Re: RE: Il quarto libro

da Eragon-ebrithil » 29 marzo 2011, 7:07

ragazzi sono a Dubai appena tornato dalle seychelles e essendo un isola sperduta non avevo internet a disposizione :blink:, non ho neanche potuto scrivere nulla perchè il mio computer mi ha lasciato in panne :(, in piu un camion ci è venuto addosso con la macchina :cry: e abbiamo dormito in areoporto perchè i voli erano pieni e non ci potevano imbarcare:bleeh:. "UN DISASTRO"
ora però sono tornato a dubai e ho cambiato la ram che si era bruciata (per fortuna solo quella) e appena sono sull'aereo giuro che mi metto a scrivere seriamente.
P.S. detto fra noi quella è un isola maledetta. :invisibile: :invisibile:
(e comunque il nostro amato Bear di wild me fa na p+++a)
Eragon:pòmnuria hjarta achì vanta abr ganga un Arya Svit-kona
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 18 aprile 2009, 23:00
Località: Ellesmera
Sesso: Maschio

RE: Il quarto libro

da angy94 » 29 marzo 2011, 16:32

Però, che avventura! Hai ragione riguardo a Bear! :laugh: :laugh:
"Sono felice di averti avuto al mio fianco Eragon" disse Arya. "Lo stesso vale per me." Lei gli rivolse un fugace, incerto sorriso..

Leggete il mio quarto libro, nella sezione dell'eredità! =)
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 530
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: in alagaesia con i miei libri, i miei sogni e le mie speranze!!!!!! =)
Sesso: Femmina

RE: Il quarto libro

da Eragon-ebrithil » 5 aprile 2011, 19:58

Ecco come promesso il prossimo capitolo (anche se in ritardissimo) spero vi piaccia...
Ho deciso una soluzione drastica e non rivelo altro :cool: :invisibile:




Il cavaliere osservava la graziosa elfa mentre risaliva agilmente le rocce riflettendo su tutto ciò che era appena accaduto
per l’ennesima volta dopo molto tempo desiderava arya non come una’amica ma come una compagna di vita, quei pochi secondi avevano completamente fatto remergere i sentimenti che aveva imparato a sopprimere drasticamente , immediatamente si riscosse dai suoi pensieri e si alzò prendendo la sua camicia dalla mano della principess poi decise di ritornare all’accampamento vista la strana situazione creatasi tra loro due.
Saphira atterrò pochi minuti dopo nella radura e fece salire sulla sella i due
“vi siete divertiti?” dise la dragonessa fingendo
“si, eragon mi ha portato in un posto meraviglioso anche se come al solito ho rovinato tutto” rispose arya a testa bassa
Eragon rimase rimase a bocca aperta per l’improvvisa confessione dell’elfa
“non è colpa tua e poi mi sono divertito” disse velocemente per farla sentire a suo agio il più possibile,
poi sul volto di eragon si creò un sorriso che sfociò in una fugace risata e battendo le sue mani su quelle dell’elfa che gli cingevano la vita disse “cosi ti è piaciuto veramente eh?”
“si, era molto …..” ma si fermò improvvisamente
Eragon per l’ennesima volta tentò di cambiare discorso “se ti va quando tutto sarà finito e se sarà finito potremo andare a vedere il mare”
“mi piacerebbe molto anche se non riesco ancora a immaginare una vita senza quel tiranno, ci sono quasi nata in questa situazione”
“io credo che ce la faremo in un modo o nell’altro, ricordati sempre che i draghi sono dalla nostra parte cosi come le loro inspiegabili magie"
“staremo a vedere” duerante la conversazione erano giunti in prossimità dell’accampamento e saphira stava finendo le manovre di atterraggio, due saltarono dalla sella e si diressero verso le proprie tende
“mi sono divertita molto stasera grazie Eragon era molto che non passavo giornate di questo genere, libera dalle pressioni”
“credo sia questo il tuo problema arya, ti fai coinvolgere troppo, dovresti trovare un equilibrio tra le due cose, non mi aspetto che tu lo faccia subito anche perchè ti è stato insegnato di preoccuparti prima del tuo popolo come deve essere principalmente ma non puoi fartene completamente una ragione di vita anche qualcos’altro deve occupare il tuo cuore altrimenti si finisce per impazzire”
“credo che tu abbia ragione, non penso di essermi comportata molto bene in questi ultimi tempi”
“perché dici questo ora?” eragon si accigliò e spostò il lembo della sua tenda “che ne dici di parlare un po’ seriamente? Vieni netra” disse mentre le porgeva la mano per farla entrare.
Il cavaliere cominciò a far bollire l’acqua mentre preparava un infuso di erbe essiccate che aveva raccolto ad ellesmera, arya intanto si era seduta ai piedi del letto con lo sguardo perso nel vuoto e la faccia impassibile
“ho quasi finito” esordì eragon versando l’infuso in due tazze, ne porse una ad arya
“allora dimmi qual è il problema”
“perché ci dovrebbe essere un problema in particolare?
“oggi sei strana, e non è la stanchezza, ti conosco troppo bene ormai ed ho già capito da molto tempo che qualcosa ti turba, quindi adesso me lo vuoi dire o no?”
arya rimase in silenzio sorseggiando il liquido nella tazza fino a finirlo, poi lo appoggiò su uno sgabello li vicino e solo dopo parlò “ho troppe responsabilità da quando sono nata, non ce la faccio più, prima l’addestramento per diventare una principessa, poi le varie missioni delicate ,prima e dopo l’ascesa al potere di galbatorix, la morte di Faolin,la prigionia e adesso sono anche un cavaliere dei draghi”
“sembrerò monotono ma essere un cavaliere è un onore, per ora ti è ancora difficile capirlo perché emerald è ancora un cucciolo e abbiamo e dobbiamo affrontare immense battaglie, ma dopo si instaurerà un’amicizia forte e duratura tra voi due quasi indispensabile e ti sentirai meglio quando fra un po’ sarà lui a prendersi cura di te, non posso aiutarti in altri campi come la magia e la cultura, ma almeno su questo ho voce in capitolo” disse eragon cingendogli le spalle con il suo braccio, sorridendo e guardandola negli occhi.
Arya si abbandonò a quella stretta ormai fraterna piangendo “”mi dispiace di avervi creato problemi ma da quando è morto faolin non sono riuscita a recuperare me stessa, solo con la tua… amicizia sono riuscita a rendermene conto e a riemergere anche se parzialmente, ma non ti ho mai ringraziato per questo”
“lo hai già fatto, non a parole naturalmente” rispose eragon mentre la stringeva a se
“vedi a lungo termine cosa fanno le vostre rigide norme di cortesia? Dopo la morte di faolin non ti sei potuta sfogare con nessuno, perché non avevi nessuno, e non permettevi agli altri di avvicinarti, non sto parlando solo di me che ho comunque.. sbagliato, ma delle persone a te più care come tua madre, che pultroppo metteva gli interessi del popolo prima di tutto, sbagliando anchessa perché ci deve essere un equilibrio in tutto anche quando si tratta di incarichi importanti”
Eragon trascorse vari minuti in quel modo aspettando che l’elfa sfogasse tutti i suoi sentimenti repressi dalla maschera gelida che si era creata finchè no nsi accorse che era entrata nello stato di sonno caratteristico degli elfi senza che se ne accorgesse così l’adagiò sul suo letto e si preparò un giaciglio a terra
“bè credo che quella reazione fosse anche per la stanchezza” disse il cavaliere rivolto a saphira
“non ha sicuramente un carattere facile eh?”
“si, anche se non ho ancora capito come possa passare dalla felicità alla tristezza in cosi poco tempo”
“ricordati che è pur sempre un elfa e credo che si fosse sentita in colpa perché tu ti stai prendendo cura di lei anche se ti ha respinto più volte”
“pensavo fosse acqua passata”
“beh sarà meglio mettersi a dormire domani dovremo fare un bel po’ di cose”
Cosi anche il cavaliere dal drago azzurro si addormentò abbastanza velocemente ascoltando l’ipnotico respiro di arya.

Eragon venne svegliato da un improvviso dolore allo sterno e rimase senza respiro per alcuni secondi, arya che era distesa per terra si ralzò subito “mi dispiace ti ho letteralmente schiacciato” disse la principessa appoggiandogli la mano sul petto, il cavaliere cercò di sussultare il meno possibile a quel contatto e chiese
“come scusa?”
“mi sono alzato e non ho visto che dormivi a terra cosi mi sono alzata e…. insomma, il resto lo sai, stai bene?”
“si, non sei pesante come un umano” rispose eragon ridendo.
Improvvisamente si senti un corno suonare brevemente, l’ambasciatore era tornato.
I due uscirono dalla tenda velocemente si fecero attendere al padiglione, l’ambasciatore entrò scrtato da due guardie e fece un breve inchino “Ammazzaspettri, mi hanno ricevuto dentro la loro città per contrattare, e chiedono una soluzione pacifica, sono pronti a ricevere anche il vostro esercito a condizione che non venga fatto del male a nessuno”
“bene grazie puoi andare ne discuteremo con lady nasuada ed i nani”
L’ambasciatore scostò il lembo della tenda e uscì, poi i due contattarono nasuada attraverso uno specchio magico, lady furianera li ricevette immediatamente
“abbiamo avuto notizie dall’ambasciatore”
“parlate, vi ascoltiamo”
“hanno chiesto una soluzione pacifica e quindi un incontro, anche con l’esercito dentro le mura, ma secondo me c’è sotto qualcosa”
“non capisco come può essere una trappola, avremo il nostro esercito dentro le mura e le più alte cariche sono protette da incantesimi di protezione, possiamo entrare liberamente a mio parere” rispose Nasuada
“anche secondo me eragon, non possono farci nulla, anche se mi sembra una situazione strana” ribattè anche arya
“va bene, io non ho problemi vi aspetteremo qui e poi entreremo”
“siamo già in viaggio con il mio battaglione per raggiungervi, come da programma, tra poco saremo li” concluse Lady Furianera terminando il contatto
“tu come la pensi su tutto questo eragon?” chiese Arya
“è una situazione abbastanza strana dovrebbero essere sottomessi a galbatorix e quindi secondo me è lui che ha permesso tutto ciò”
“anche questo è vero, ma Orik Nasuada e Murtagh oltre a noi due sono ben protetti da qualunque tipo di incantesimo non vedo come sia possibile”
“bah, spero sia vero, comunque dovremo solo aspettare, hai già preparato la tua armatura?”
“no, la devo lucidare”
“andiamo che ti aiuto”
Arya ringraziò eragon nell’antica lingua e gli fece strada verso la tenda , si sedettero all’esterno appoggiando su una piccola roccia tutti gli utensili necessari
“da quanto tempo è che indossi questa?” chiese eragon
“circa 40 anni me la regalò mia madre quando partii per il primo viaggio con l’uovo di saphira”
“non potevi cambiarla quando eravamo ad ellesmera? Non èè messa molto bene”
“me ne sono dimenticata, non ci ho mai badato pià di tanto perché non abbiamo combattuto recentemente”
“capisco però se ne avremo l’occasione ti conviene cambiarla”
“si, quando mi incontrerò con mia madre chiederò di ordinarne una”
I due continuarono a strofinare e lucidare le parti più rovinate finchè non sentirono il corno che annunciava l’imminente arrivo di Nasuada, riposero l’armatura nella tenda e si fecero attendere nel padiglione.
Alcuni secondi dopo entrarono due falchi neri portando lo scranno e pochi effetti persoanli indispensabili al capo dei Varden, i due si fecero da parte mentre Nasuada entrava nella tenda e si sedeva al centro del nuovo padiglione.
“bene, il mio esercito è arrivato, possiamo cominciare a marciare verso la città, preparate il mio cavallo” disse Lady nasuada rivolta a jormundr il quale corse immediatamente a dare il segnale con un corno
“avete qualche aggiornamento voi invece?”
“no, nulla in particolare” rispose arya
“bene, ottimo lavoro qui, potete andare a prepararvi”
“grazie” arya ed eragon uscirono uno affianco a l’altra diretti verso le proprie tende e i rispettivi draghi.
Eragon uscì pochi minuti dopo allacciandosi Brisingr al fianco e sedendosi vicino a Saphira mentre aspettava un segnale da qualche sentinella, poi usci arya, si era messa la sua armatura appena lucidata, il cavaliere si alzò e le disse “lo sai che non potremmo mai portare emerlad verò?”
“si, dobbiamo mantenere il segreto ora che abbiamo abbastanza vantaggio”
Poi eragon le prese delicatamente la mano destra accarezzando il gedwey ingasia “sarà meglio coprirlo con un guanto, non possiamo rischiare di farlo vedere, ci saranno pur sempre spie di galbatorix dentro la città”
“hai ragione, questo particolare mi era sfuggito”
“aspetta non ce ne sarà bisogno, ho un trucco che ho visto fare da mio padre l’unica volta che mi rivelò di essere stato un cavaliere dei draghi”
arya si fece condurre in una zona con prevalenza di terriccio anziché erba e si lasciò strofinare la mano da eragon che aveva raccolto un pugno di terra dal suolo e stava pronunciando un semplice incantesimo.
Quando il cavaliere la fece alzare mostrandogli che il gedwey ingasia era apparentemente inesistente anche quando si illuminava a causa della magia “potrai toglierti il tutto lavandoti le mani con del vino, è anche a prova di acqua o sangue visto che potrebbe succedere qualcosa di imprevisto, l’ho appena modificato personalente”
“grazie, ora però sarà meglio farci trovare all’entrata provvisoria del Sud”.
La principessa salutò affettuosamente il suo drago e montò insieme al cavaliere su Saphira che li portò in pochi attimi alla destinazione atterrando davanti a jormundr e un gruppo di falchi neri.
Nasada li raggiunse in groppa al suo cavallo bianco “possiamo muoverci, gli elfi hanno applicato tuti gli incantesimi difensivi conosciuti con l’aiuto del du vrang gata”
Jormundr fece un gesto con la mano e buon gruppo dei varden si mise sull’attenti pronto a marciare “basterà qualche ora di cammino per raggiungere il cancello della città, ho fatto avvertire anche gli altri gruppi principali di Murtagh e Islanzadi, sono pronti a scattare se qualcosa và storto”
Immeditamente il suono dei tamburi cominciò a creare un ritmo di musica adeguato alla marcia che avevano appena iniziato verso Dras Leona, la dragonessa si teneva in volo sopra la retroguardia che trasportava segretamente Emerlad sdraiato dentro un carro mentre eragon camminava velocemente insieme ad arya dietro a Lady Nasuada.
“se veramente conquisteremo anche quest’altra città senza sforzo Nasuada non aspetterà molto tempo prima dell’attacco finale ad Uru’baen non credi?” chiese Eragon rivolgendosi ad Arya
“hai ragione, ma visto che non dovrà preoccuparsi di dispiegare l’esercito qui allora ci aspetterà molto più preparato nella sua fortezza e quindi non so davvero se questa strana situazione sia un bene o un male, d’altronde è un ottimo stratega”
“forse è semplicemente pazzo e solo, quindi ci stà aspettando solo per divertirsi un po’ di più visto che si è rinchiuso da 40 anni”
“anche questo può essere plausibile anche se poco probabile, non oso pensare cosa abbia scoperto in tutti questi anni sulla magia”
“certo che usare la sua conoscenza per fare del bene non sarebbe poi cosi male”
“non ci pensare per niente Eragon, dobbiamo assicurarci che sia morto e poi vorresti davvero usare la magia oscura anche per degli scopi ottimisti?”
“credo di si, io non ho gli ideali che avete voi elfi sulla magia, sono pur sempre umano”
“e quale sarebbe il tuo pensiero, sentiamo”
“credo che la magia non sia nera o bianca è solo il modo di usarla che la rende di un colore o dell’altro, sempre quando si tratta di metodi sicuri e che non mettono a repentaglio la vita di nessuno,in quel caso verrebbe usata in modo sbagliato”
“mi sembra giusto, ma a questo punto mi chiedo se, quando ci troveremo nella situazione di ucciderlo, lo farai veramente”
“su questo non preoccuparti, e poi comunque tutti i suoi studi verranno recuperati sicuramente, il vero problema è come fare ad ucciderlo visto che non ho ancora trovato nessun indizio sulla volta delle anime”
“quale volta delle anime?”
“una volta solembum mi ha predetto che serviva il mio vero nome per aprire la volta delle anime ma non so di cosa stia parlando”
“non ne ho mai sentito parlare”
“neanche oromis o qualunque altra persone a cui ho chiesto oromis mi ha detto di non pensarci troppo su perché il futuro è in costante cambiamento”
I due passarono le restanti ore a parlare di qualunque argomento balenasse nella mente sia dell’uno che dell’altra, poi vennero interrotti da Nasuada “ci stiamo avvicinando mandate un messaggero deciendogli che abbiamo accettato la loro proposta e che veniamo in pace”
Eragon fece un segno con la mano ed un ragazzo biondo parti al galoppo anticipando l’arrivo del’armata di qualche minuto sufficiente a far recapitare il messaggio.

Il grande portone si aprì e fece spazio all’orda dei varden diretti alla piazza principale, si dovettero dividere a causa degli stretti vicoli della città, Eragon riconobbe la locanda di jeod e l’erboristeria di angela, i ricordi del viaggio con brom lo assalirono come un torrente in piena e fece fatica a non cedere alle lacrime, Arya si accorse dello stato d’animo del cavaliere e lo prese per mano, eragon sussultò a quel contatto che lo fece distrarre
“tutto bene?” chiese la principessa
“ora si” rispose Eragon guardando la mano dell elfa intrecciata nella sua
“Dovremmo tornare a visitare Brom prima della battaglia finale” disse Arya mentre scioglieva la mano dalla presa del cavaliere
“hai ragione” rispose Eragon facendo finta di non notare l’azione dell’elfa e analizzando con lo sguardo l’achitettura delle case.
Caminnarono per alcuni metri finchè davanti a loro la strada si allargò per far spazio alla piazza ed alla cattedrale, un amabasciatore vestito di rosso spuntò dal portone dell’enorme costruzione e scambiò un breve dialogo con Nasuada che riordinò le file degli uomini, dopodichè sparì inghittito dall’oscurità della cattedrale.
“il governatore si fa attendere” disse Nasuada, eragon ed arya si misero uno alla sinistra e un altro alla destra, come vassalli, del capo dei Varden,poi delle trombe iniziarono a suonare e i portoni della cattedrale si aprirono uscirono due file di sbandieratori e la piccola avanguardia che fece spazio al governatore diretto verso Nasuada, la salutò baciandole la mano e, sempre tenendola stretta, si inchinò e disse “Io Marcus Tàbor, governatore di Dras-Leona dichiaro la resa incondizionata al Generale supremo dei Varden, Nasuada Ajaddoughter confidando che tramite la sua saggezza e il suo onore tratti benevolmente le genti di questa città”
Nasuada invece fù breve e concisa “Lo prometto, alzati ora, parleremo da pari a pari”
Marcus si alzò “immagino che sia abbastanza perplessa su la nostra decisione e posso solo dirvi che è stato un diretto ordine di galbatorix tramite il mio giuramento, non so altro”
“anche questo era prevedibile…..”
Mentre le due cariche conversavano eragon vagò con lo sguardo osservando per l’ennesima volta la cattedrale con le sue alte guglie, notò poi un movimento circospetto intorno a quella più alta, in una frazione di secondo una figura nera si stagliò in piedi, netta nel cielo, con un arco teso in mano e scagliò un freccia diretta verso Nasuada, Eragon balzò in avanti gridando “Letta” con il palmo rialzato in avanti.
L’incantesimo non ebbe l’effetto desiderato e a pochi metri da Nasuada cambiò direzione e colpì Eragon frantumando tutte le sue difese compresa l’armatura donatagli dai Nani, venne sbalzato di alcuni metri in aria e poi ricadde di schiena sul terreno, intanto si scatenò il panico, Angela colpi a sua volta con una freccia l’oscura figura che cadde e si accasciò ai piedi della cattedrale e le guardie avevano formato una difesa impenetrabile intorno a Nasuada mentre arya correva a sollevare Eragon sperando per il meglio, ma non fu cosi, Eragon tossiva convulsamente e sputò sangue mentre una macchia vermiglia si allargava sul lastricato, arya gli sollevò la testa tenendola fra le braccia
“non preoccuparti starai bene” gli ripeteva con un filo di voce
“lo so tanto che è finita per me, la freccia mi ha trapassato il cuore non possiamo fare nulla”
“no, posso provare qualche incantesimo che ho imparato”
Saphira ruggiva e cercava in tutti i modi di curare il suo cavaliere mentre atterrava nella piazza incurante delle altre persone
“no, li ho studiati anche io, cerca solo di non far ammazzare……saphira” rispose il cavaliere tossendo
“non posso perdere anche te non credo di riuscire a superarlo”
“lo devi fare arya, sei rimasta solo tu, le speranze sono riposte in te”
“no, non è giusto non puoi morire,io…”
Eragon le prese la mano “mi dispiace, mi illudevo di riuscire a sopravvivere ancora un po’”
Il cavaliere chiuse lentamente gli occhi “saphira, distruggi galbatorix, non farti prendere viva, combatti insieme ad arya e uccidete il tiranno, ti chiedo solo di ragionare quando sarò morto non farti soprimere dai sentimenti”
Poi si rivolse ad arya aprendogli la mente “sto per morire, voglio solo che tu sappia che i sentimenti che provo per te non sono mai cambiati”.
Eragon allentò la presa sulla mano della principessa e scivolò nelle braccia del’oblio più profondo.
Arya pianse e lanciò un urlo straziante che venne immediatamente coperto dal ruggito di saphira, talmente forte da far implodere tutti i vetri della cattedrale.
Murtagh ed islanzadi intanto dall’esterno, sentirono Saphira, conoscevano quel tipo di ruggito e capirono immediatamente cosa era accaduto, con un cenno si lanciarono alla carica della città il più brevemente possibile.
Eragon:pòmnuria hjarta achì vanta abr ganga un Arya Svit-kona
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 18 aprile 2009, 23:00
Località: Ellesmera
Sesso: Maschio

RE: Il quarto libro

da 97arya » 8 aprile 2011, 15:58

:blink: :ahhhhh: :ahhhhh: :ahhhhh: :ahhhhh: nooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!che sia soltanto svenuto,e se non lo è deve resuscitare,subitoooooooooo!!!!!!!!!!!!non me lo far morire ,ok??se no... :arms: [smilie=angry2.gif] [smilie=butcher.gif]
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 12 marzo 2011, 0:00
Località: Nei sogni diventatì realtà
Sesso: Femmina

RE: Il quarto libro

da Eragon-ebrithil » 8 aprile 2011, 16:55

mi dispiace ma tecnicamente ad essere morto è morto e ci sarà anche il funerale!!!!!!!
:cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry: :cry:
Eragon:pòmnuria hjarta achì vanta abr ganga un Arya Svit-kona
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 18 aprile 2009, 23:00
Località: Ellesmera
Sesso: Maschio

RE: Il quarto libro

da Eragon-ebrithil » 11 aprile 2011, 21:01

ecco un piccolo post abbastanza intenso (e corto) prima di una scena madre! :cool:


Arya e Saphira rimasero immobili, la principessa stringeva fra le braccia il corpo del cavaliere singhiozzando come una bambina, non provava rabbia come successe con la morte di Faolin, ora aveva dentro di sé un immenso dolore, nel suo cuore non c’era posto neanche per la vendetta, riamase li a piangere condividendo l’incontrollabile dolore di Saphira, poi Nasuada li fece alzare, anche lei aveva pianto segretamente, ma in quel momento si doveva dimostrare forte, Angela invece non si curò del cavaliere e andò a recuperare il corpo dell’attentatore avvolto in un mantelllo scuro, appena si avvicinò avvertì un odore nauseabondo provenire da quell’essere, lo riconobbe immediatamente e con unio dei suoi bastoni da guerra lo voltò a pancia in su poi gridò “raz’ac!, è ancora vivo”
Jurmundr si avvicinò a lei “sono ancora vivi”
“dov’e il tuo compagno, verme!?” chiese l’erborista
“ssono ssolo io, la mia compagna è morta per causa del cavaliere come anche i miei genitori, ma ora vedetta è stata fatta” pronunciate le sue ultime parole anche il ra’zac spirò.
Arya stava per sollevare il corpo senza vita di eragon quando un enorme boato irruppe quel mortale silenzio
Murtagh aveva completamente distrutto il portone secondario e stava arrivando in volo con castigo, i due atterrarono e accorsero immediatamente arya “è ancoraa vivo?”
“no, ha protetto Nausada da una freccia ma non so come è stato colpito a… morte”
“perché, erchè ogni volta che sembra andare tutto bene alla fine finisce tutto male?” disse il cavaliere dal drago rosso stringendo i pugni.
Castigo intanto aveva preso con le fauci la sacca che conteneva l’eldunari di Glaedr e l’aveva poggiato nella sella di Saphira, poi insieme spiccarono il volo cercando un posto solitario dove potevano riflettere sull’accaduto tranquillamente.
Murtagh intanto aveva sollevato il corpo del fratello e lo stava portando in un posto sicuro mentre Nasuada concludeva il più velocemente possibile le questioni di burocrazia visibilmente scossa .
Arya seguiva murtagh come un fantasma mentre entravano nella vecchia casa di jeod e adagiavano Eragon sul letto “dovremmo guarirlo ora, è il minimo che possiamo fare per lui”
Insieme poggiarono le mani sulla grande ferita e tramite la magia riportarono il corpo al suo stato originale, sembravava vivo, ma sapevano che presto sarebbe diventato freddo e bianco e sarebbe stato adagiato in un posto consono al primo cavaliere dei draghi della nuova generazione.
La principessa scoppiò nuovamente a piangere sul letto e murtagh la lasciò sola scendendo per controllare la situazione, infatti nel frattempo erano arrivati gli elfi e Islanzadi era arrivata sulla soglia della casa “cosa è successo?dove sono Saphira ed Eragon?”
“eragon è morto” rispose distaccatamente Murtagh
La regina nascose immediatamente il suo dolore dientro la sua fredda maschera e salì al piano superiore, trovò arya inginocchiata ai piedi del letto e le mise una mano sulla spalla “l’avevo detto che stavi sprecando il tuo tempo, la guerra è imprevedibile, tu che avevi la possibilità non hai voluto farlo, non ti ho mai capito pienamente”
“me ne sono accorta troppo tardi, e non sono riuscita neanche a difenderlo o curarlo”
“adesso l’unico modo per trovare l’equilibrio e sconfiggere galbatorix, non perdere mai di vista il nostro compito”
Arya sorrise amaramente “lo so, me lo ha detto anche… lui prima di morire”
“Saphira dov’è?”
“è volata via con Castigo, ha promesso che continuerà a combattere”
“ne sono felice, almeno in questo, questa guerra ha dato troppi sacrifici ne sono veramente stufa, ti prometto che faremo un eccelsa cerimonia per Eragon, dopo lunghi anni ci ha dato la speranza di una vittoria… ora ti lascio sola”
Eragon:pòmnuria hjarta achì vanta abr ganga un Arya Svit-kona
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 18 aprile 2009, 23:00
Località: Ellesmera
Sesso: Maschio

RE: Il quarto libro

da Arya18 » 30 giugno 2011, 13:41

scrivi benissimo, continua presto :D
Ogni epoca è una sfinge, che si precipita nell'abisso non
appena il suo enigma è stato risolto.

Heinrich Heine
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 22 aprile 2011, 23:00
Sesso: Femmina

RE: Il quarto libro

da IloveSaphira » 30 giugno 2011, 17:21

Era da mesi che non entravo nel forum ma appena mi rimetto in pari con le ff trovo questo!!!! :cry: :cry: Non puoi far morire Eragon!!! :arms: :invisibile: [smilie=butcher.gif] [smilie=diablo.gif] ma poi soprattutto come è possibile che una semplice freccia lo abbia ucciso???
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 238
Iscritto il: 23 agosto 2009, 23:00
Località: margini della Du Weldenvarden
Sesso: Femmina

Re: RE: Il quarto libro

da 97arya » 3 luglio 2011, 10:59

IloveSaphira ha scritto:Era da mesi che non entravo nel forum ma appena mi rimetto in pari con le ff trovo questo!!!! :cry: :cry: Non puoi far morire Eragon!!! :arms: :invisibile: [smilie=butcher.gif] [smilie=diablo.gif] ma poi soprattutto come è possibile che una semplice freccia lo abbia ucciso???


giusto!!non può morire per una maledetta semplice freccia,per colpa di uno schifoso ra'zac!!!!!!!!
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 214
Iscritto il: 12 marzo 2011, 0:00
Località: Nei sogni diventatì realtà
Sesso: Femmina

RE: Il quarto libro

da DaubleGrock » 30 aprile 2013, 0:26

Ma la ff non continua? Non puoi continuare e ti prego fai resuscitare Eragon :( :cry:
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

Precedente

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE