L'ultima di Yazuac

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

RE: L'ultima di Yazuac

da Saphira23 » 12 dicembre 2011, 17:52

molto bello l'incontro con Castigo, brava......
mi piace molto come hai reso Murtagh......è molto protettivo nei riguardi di Ylevia :rolleyes:
chissà adesso cosa succederà!!! :O
p.s. hai dimenticato di evidenziare alcuni dialoghi di Castigo ma non preoccuparti :laugh: ;)
posta presto ;)
Immagine L’amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso… L’amore non è mai presuntuoso o pieno di se, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore...
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2984
Iscritto il: 24 luglio 2008, 23:00
Località: Su Saphira insieme al mio amato nei cieli incantati di Alagaesia. Sulle ali della mia vita...
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Arya18 » 12 dicembre 2011, 18:14

Bellissimo capitolo! Ylevia e Castigo sono già diventati amici :laugh: E Murtagh è molto protettivo nei confronti di Ylevia.. Mi sorge un dubbio.. Non è che si sta innamorando di Ylevia?? :sospettoso: :sospettoso: Posta presto!!! ;)
Ogni epoca è una sfinge, che si precipita nell'abisso non
appena il suo enigma è stato risolto.

Heinrich Heine
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 22 aprile 2011, 23:00
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 13 dicembre 2011, 17:56

Saphira23 ha scritto:
p.s. hai dimenticato di evidenziare alcuni dialoghi di Castigo ma non preoccuparti :laugh: ;)
posta presto ;)


lo so, me ne ero resa conto :D
posterò il prima possibile!!!!!

Aggiunto dopo 1 ore:

anzi... posto ora ;)


Murtagh camminava spedito davanti a me. I nostri passi rimbombavano nel cupo corridoio.
“Rallenta Murtagh... non ce la faccio...” ansimai.
“Non eri entusiasta fino a poco fa di andare da Galbatorix?” domandò acido.
“Entusiasta non mi pare l'aggettivo giusto...”
“E allora qual è?” e si volse. Fu un movimento improvviso, feci un piccolo balzo.
“Rassegnata...” mormorai senza guardarlo in viso. Lui mi sollevò il mento con l'indice, rimase per un po' così. Mi metteva in imbarazzo, con quello sguardo, con quelle mani delicate...
“An...andiamo?” balbettai rompendo il silenzio. Murtagh si limitò ad annuire.
Riprese a camminare, questa volta più lentamente. Ogni tanto si girava a guardarmi, quasi aspettasse che cedessi e gli chiedessi di non portarmi da Galbatorix. Io restai ferma sulla mia decisione.
Svoltammo in un corridoio molto più ampio, dove al centro era steso un lungo tappeto nero, il quale era in contrasto con il bianco pavimento. Non c'erano porte ai lati, solo due lunghe pareti di marmo liscio che arrivavano a un alto portone, anch'esso in marmo. Ai lati del portone due guardie armate di spade ci stavano osservando.
Quando fummo a meno di tre metri di distanza domandarono: “Siete stati convocati?”
Murtagh rispose in tono freddo: “Galbatorix in persona chiede di noi.”
“I vostri nomi.” ordinò la guardia a destra.
“Io sono Murtagh, il Cavaliere Rosso, e lei è Ylevia, la mia serva.”
Le due guardie ci osservarono da cima a piedi poi dissero: “Dovete lasciare le armi fuori...”
Non finirono la frase perché una voce imperiosa e cavernosa proveniente dalla stanza tuonò: “Lasciateli passare incapaci! Avevate per caso ricevuto ordine di disarmarli? Lasciateli passare!”
Le guardie non indugiarono un minuto in più, aprirono le porte.
Nella stanza regnava il buio più assoluto. Murtagh era stato inghiottito dalle tenebre e non lo vedevo più. Il panico mi avvolse, mi paralizzai nel punto esatto dov'ero.
“Venite avanti...” ordinò la voce. Qualcosa mi prese da dietro.
“Non avere paura” sussurrò “ ci sono qua io...” riconobbi la voce: era Murtagh. Cercava di rassicurarmi, quando era evidente che tremava pure lui di paura. Ma l'orgoglio lo spingeva avanti, avanti verso il tiranno.
M'incamminai con Murtagh che mi guidava nel buio.
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Arya18 » 13 dicembre 2011, 18:01

Bellissimo post! Che dolce che è Murtagh con Ylevia.. :innamorato: Tra un po' incontreranno Galbatorix! Posta presto, mi raccomando! ;) [spoiler]Mi sta venendo un dubbio... Non è che Murtagh si sta innamorando di Ylevia? :invisibile: Puoi passare da me? Ho appena postato....[/spoiler]
Ogni epoca è una sfinge, che si precipita nell'abisso non
appena il suo enigma è stato risolto.

Heinrich Heine
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 528
Iscritto il: 22 aprile 2011, 23:00
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Saphira23 » 13 dicembre 2011, 18:12

wow fantastico....ci siamo e adesso??? Ci hai lasciati sul più bello!!!Postaaaaaaaaaa ;)
Immagine L’amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso… L’amore non è mai presuntuoso o pieno di se, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore...
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2984
Iscritto il: 24 luglio 2008, 23:00
Località: Su Saphira insieme al mio amato nei cieli incantati di Alagaesia. Sulle ali della mia vita...
Sesso: Femmina

Re: RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 13 dicembre 2011, 18:29

Saphira23 ha scritto:wow fantastico....ci siamo e adesso??? Ci hai lasciati sul più bello!!!Postaaaaaaaaaa ;)



Arya18 ha scritto:Bellissimo post! Che dolce che è Murtagh con Ylevia.. :innamorato: Tra un po' incontreranno Galbatorix! Posta presto, mi raccomando! ;) [spoiler]Mi sta venendo un dubbio... Non è che Murtagh si sta innamorando di Ylevia? :invisibile: Puoi passare da me? Ho appena postato....[/spoiler]


sono contenta che vi sia piaciuto.

p.s. vi ho lasciato sul più bello apposta...

[spoiler]Murtagh è molto dolce vero??? non fatevi ingannare, ci sarà un colpo di scena... ;) :sospettoso: [/spoiler]
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da zaffira » 13 dicembre 2011, 19:23

bellissimi post lenora,anche io penso che murtagh si stia innamorando di ylevia,continua

sono ansiosa di sapere come continua
Immagine
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 383
Iscritto il: 20 giugno 2011, 23:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 15 dicembre 2011, 14:06

Piano piano iniziai a intravedere la luce di un fuoco. Procedevamo con cautela. A un certo punto Murtagh mi fermò e si mise davanti a me. Si inchinò e disse: “ Galbatorix, come ti avevo promesso ecco la mia serva Ylevia...”
“Alzati!” ordinò Galbatorix. Murtagh fu assai sollevato da quell'ordine, si vedeva che detestava la sua sottomissione a Galbatorix.
“Piuttosto... sapresti spiegarmi come mai porti la spada di Morzan?” domandò gentilmente.
“L'aveva Eragon... gliel'ho presa durante il nostro scontro...” giustificò Murtagh.
“Ma se non mi sbaglio tu mi avevi riferito che Eragon era riuscito a sconfiggerti, ti aveva battuto.”
“Si... mio signore...” sussurrò il mio fratellastro.
“E allora come mi spieghi il possesso della spada da parte tua? Con che cosa ti ha sconfitto?” la voce iniziava ad alterarsi.
Murtagh non rispose.
“È uguale... lasciamo perdere... per ora!” sospirò “ Ylevia, cara Ylevia... avvicinati al fuoco, voglio vederti in volto.” la sua voce era di nuovo diventata gentile.
Io iniziai, lentamente, ad avvicinarmi. Quando fui vicino al fuoco mi stupii: le fiamme non sprigionavano calore e le lingue di fuoco nascevano direttamente dal pavimento.
Vidi un'ombra muoversi.
“Che viso splendido hai... e ormai sei una donna...” sentivo sguardi penetranti scrutarmi “sai usare la spada... mi piacerebbe vedere...” fece una lunga pausa.
“Murtagh!” chiamò. Il mio fratellastro sobbalzò.
“Si Galbatorix?”
“Ti andrebbe mio Cavaliere di duellare con Ylevia?” pronunciò il mio nome in modo strano, troppo sdolcinato e trasognate per Galbatorix.
“Certamente...” acconsentì Murtagh. Sguainò la spada e mi raggiunse vicino al fuoco. Io mi preparai al duello. La mia lama bianca scintillava nella stanza buia.
Murtagh mi attaccò al fianco, non ci mise tanta forza e quindi io lo respinsi. Subito lo attaccai, ci misi tutta la mia forza, ma Murtagh, con un abile gesto deviò la lama.
E così lo riattaccai, riuscii a graffiarlo sul braccio ma lui approfittò della mia distrazione, dovuta al movimento della solita ombra, per tentare un affondo.
Iniziava, pian piano, a diventare sempre più feroce, più crudele negli attacchi, più forte nel respingermi.
Dopo il mio ennesimo tentativo di parata fui scaraventata dalla sua forza dentro al fuoco. Pensavo di bruciarmi, e invece non mi fece nulla, si modellò al mio corpo.
Murtagh entrò anche lui dentro al fuoco. Le fiamme illuminavano il suo viso fattosi duro e impenetrabile.
Mi attaccò, un colpo qui, un affondò qua, la spada era per terra.
Aveva vinto, finalmente avevamo finito. Ma il suo volto era ancora malvagio, la sua lama minacciosa.
“Murtagh... hai vinto...” ma lui continuava a puntarmi la spada contro.
“Murtagh... Murtagh...” mi iniziava a tagliare la tenera carne del collo.
“Murtagh... hai vinto... ti prego... lasciami...” e intanto cercavo di allontanargli i polsi invano.
“Murtagh...” un piccolo rivolo di sangue caldo mi bagnava il collo “Lasciami...”
All'improvviso si fermò.
“Scusami...” il suo viso era addolorato.
Una risata proruppe nel buio. Sembrava vicina, ma allo stesso tempo irraggiungibile.
“Che splendido duello! Ylevia cara, sei incantevole quando combatti. E poi hai una spada fuori dal comune: elfica nevvero?”
Raccolsi la mia lama da terra e la rigirai tra le mani.
“Penso di si...”
“Chi te l'ha data?” che suono suadente aveva quella voce!
“Angela.”
“Ah...”
“La conoscete Signore?”
“Ora basta! Il mio tempo è stato anche fin troppo sprecato... Andate, vi richiamerò!” ordinò Galbatorix.
Murtagh mi trascinò via da quel buio inquietante.
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Saphira23 » 15 dicembre 2011, 17:11

:blink: cosa aveva Murtagh? :blink:
cioè....... :wacko: non so cosa dire
posta presto ;)
Immagine L’amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso… L’amore non è mai presuntuoso o pieno di se, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore...
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2984
Iscritto il: 24 luglio 2008, 23:00
Località: Su Saphira insieme al mio amato nei cieli incantati di Alagaesia. Sulle ali della mia vita...
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 16 dicembre 2011, 14:45

“Ti va di visitare il castello?” domandò Murtagh mentre percorrevamo il corridoio dalle pareti in marmo.
“Certo!” risposi entusiasta.
Murtagh accelerò il passo. Mi portò nei giardini interni del castello. Si trovavano proprio al centro della fortezza e quattro alti muri di pietra grigia delimitavano il manto erboso. La tenera erba era ombreggiata dalle alte betulle e qualche volta sostituita da bassi cespugli di rose. Grande calma regnava in quel piccolo quadrato verde. Un piccolo fascio di luce penetrava da sopra le mura, andando a illuminare proprio il centro di quel paradiso.
Mi andai a sdraiare proprio in quel fazzoletto di terra. Il sole mi inondava il viso e dentro di me penetrava il calore.
Sentii sedersi vicino a me Murtagh. Non aprii gli occhi, non ne avevo voglia.
“Ti piace?”
“Molto...” sussurrai.
Per un po' restammo in silenzio, poi Murtagh chiese: “Non vorresti vedere delle stanze del castello?”
“No, qui mi piace moltissimo. Forse possiamo farlo domani...” proposi speranzosa.
“Domani devo allenarmi...” sbuffò.
“Con la spada?”
“Si... devo farci pratica, non è come la mia vecchia spada...”
“Potresti allenarti con me!”
“Con te? Ma … non è già stato abbastanza terrificante la mia vittoria di oggi?” con la mano, intanto, stava accarezzando il piccolo taglio sulla mia gola.
“Cosa ti è successo oggi?” cambiai discorso.
“Nulla...”
“Non è vero! Tu non sei così... di solito. Cosa è successo prima?”la sua mano aveva smesso di accarezzarmi.
“È l'influenza di Galbatorix... lui è penetrato nella mia mente e ne ha preso possesso. Non lo aveva mai fatto fino ad ora né con me né con altri presumo. Infatti non riusciva più a lasciarmi, e poi, sentivo il grandissimo odio che prova per te. Voleva ucciderti, ma qualcosa l'ha fermato... i tuoi occhi l'hanno stupito...”
Non dissi nulla.
“Si... i tuoi meravigliosi occhi...” puntualizzò.
“Perché meravigliosi? Sono di un bruttissimo colore!” esclamai mentre osservavo i suoi occhi.
“Bruttissimi? Sono marroni come l'argilla, come la terra arsa dal sole. Tu non sai che spettacolo è vedere la terra illuminata dal sole in groppa a Castigo. Ti meravigli della bellezza di quella terra che calpestiamo, che maltrattiamo e che riteniamo fragile. Ma se vedi i Monti Beor stagliarsi all'orizzonte ti senti immensamente piccolo e friabile in confronto.”
“E quindi io sarei friabile?” chiesi confusa.
“No, forse non hai capito... La terra sembra fragile e domabile, ma in verità è dura e ribelle... proprio come te. Sembri indifesa invece sei forte e decisa!” concluse sorridente.
“Grazie!”
Il sole stava calando e un vento gelido iniziava a rimpiazzarlo.
“Vieni andiamo... continueremo a parlare nella mia stanza. E mi sollevò da terra.
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da zaffira » 16 dicembre 2011, 16:19

che murtagh si fosse innamorato di ylevia?
continua lenora,galbatorix non me la conta giusta,qui qualcosa puzza di bruciato
Immagine
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 383
Iscritto il: 20 giugno 2011, 23:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 27 dicembre 2011, 13:51

“Allora... ti alleni con me domani?” chiesi quando fummo nella sua stanza. Murtagh si stese sul letto.
“No!” rispose deciso.
“Perché?”
“Non voglio... ferirti...” sospirò “E poi sei troppo debole per batterti con me.” concluse.
“Ma... se non mi alleno sarò sempre debole!”
Lo presi alla sprovvista con quella esclamazione, ne approfittai.
“E se sono debole come dici tu non potrò mai difendermi, e quindi i nemici potrebbero benissimo farmi prigioniera...”
“Va bene, va bene... ha capito... mi allenerò con te!” cedette Murtagh.
“Si!” esultai di gioia, avrei potuto passare un'intera giornata con lui.“Bé... allora vado a riposarmi per domani.”
“Te ne vai? Pensavo volessi passare un po' di tempo con me.” e mi invitò sul suo letto.
“Sinceramente sono veramente stanca...”
“Non ti preoccupare, parleremo soltanto...”
“Va bene...” non che mi dispiacesse stare con lui, anzi, ero più che felice di stare con lui. Mi sentivo un po' in arretrato di faccende tra fratelli. Solo che quella sera ero davvero stanca, ed ero preoccupata di addormentarmi mentre parlavamo.
Mi accomodai vicino a lui, con la guancia sul suo petto.
“Allora, raccontami un po' di te!” disse.
“Cosa vuoi sapere?”
“Parlami di come sei finita tra le schiere dei Varden!”
E così iniziai il mio racconto dalla distruzione di Yazuac, la mia prigionia a Daret, descrissi Vlomin e cosa c'era stato tra noi, la sua morte, tralasciai le mie predizioni ma spiegai che altre persone insieme a me si erano dirette al nascondiglio dei Varden e loro sapevano la parola d'ordine, la rivelazione che Angela era mia zia (non accennai alla mia parentela con lui o con Eragon) e infine descrissi il mio rapimento da parte dei Gemelli.
“E questo è tutto... quanto le odio quelle serpi, vorrei che morissero!”
“Non c'è bisogno di sperare tanto, sono già morti, durante la battaglia contro i Varden. La stessa battaglia in cui ho preso Zar'roc dalle mani di Eragon. E lì ho rivelato ad Eragon che è mio fratello!”
Rimasi in silenzio, ad ascoltare il suo respiro regolare.
“Ylevia...”
“Si Murtagh?”
“... dove si trova la tua famiglia?” no, perché quella domanda? Perché gli interessava tanto la mia genealogia?
“Mio padre non l'ho mai conosciuto e mia madre è morta durante l'attacco a Yazuac... l'unica che mi rimane è mia zia Angela.”
“Mi dispiace... Come si chiamava tua madre?”
“Selena...” sussurrai.
“Ah... che buffo... come mia madre, sarà una coincidenza...”
“Si, sarà una coincidenza...” borbottai mentre i suoi respiri regolari mi accompagnavano nel sonno.
L'ultima cosa che sentii fu: “Buona notte Ylevia!”
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da zaffira » 27 dicembre 2011, 17:07

bellissimo post lenora continua così,quando ho letto che ylevia ha detto a murtagh chi era sua madre io ho pensato:pronto murtagh non è una coincidenza lei è tua sorella,svegliati ancora non ci sei arrivato.


comunque continua
Immagine
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 383
Iscritto il: 20 giugno 2011, 23:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Saphira23 » 28 dicembre 2011, 12:33

Bellissimi post , davvero molto belli!!! :innamorato: Murtagh quando parla dei suoi occhi è stato così dolce che stavo per sciogliermi :angel: continua presto!!! ;)
Immagine L’amore è sempre paziente e gentile, non è mai geloso… L’amore non è mai presuntuoso o pieno di se, non è mai scortese o egoista, non si offende e non porta rancore...
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2984
Iscritto il: 24 luglio 2008, 23:00
Località: Su Saphira insieme al mio amato nei cieli incantati di Alagaesia. Sulle ali della mia vita...
Sesso: Femmina

RE: L'ultima di Yazuac

da Lenora98 » 30 dicembre 2011, 15:42

“Pronta?”
Murtagh era di fronte a me con la lama rossa puntata verso di me. Sul volto aveva un bellissimo sorriso.
“Cosa intendi per pronta?” borbottai.
Non mi rispose nemmeno, si scagliò contro di me rapidissimo. Oddio, com'era forte!
Possibile che ci mettesse tutto quel vigore negli affondi?
E quell'agilità nello schivare i colpi da dove veniva?
Possibile che fossi così debole? E anche così goffa?
Tutti gli insegnamenti di Vlomin non erano serviti a nulla?
Vlomin... eh si...
Il tonfo sordo della mia spada mi risvegliò dai pensieri.
La lama rossa era appoggiata al mio collo.
“Vinto!”
“Si... hai vinto. Dovrò impegnarmi di più questa volta.” dissi senza sentimento.
“Che hai?” Murtagh si era subito accorto del mio cambio di umore. Perché era così attento ai particolari?
“Nulla” mentii.
“Non dire bugie, non sai dirle. Che c'è?” si era avvicinato a me e con la mano mi stava lisciando i capelli.
“Non ho voglia di parlarne.” tagliai corto.
“Sicura?” chiese turbato.
“Si, sono sicura. Non ne voglio parlare, punto.” mi scrollai la sua mano da sopra la testa “Torniamo ad allenarci!”
Murtagh si limitò ad annuire.
L'allenamento durò per tutta la mattinata. Alla fine avevo le gambe e le braccia doloranti e una bella collezione di lividi.
Dopo il pranzo chiesi: “Che facciamo oggi pomeriggio?”
“Tu non so cosa vuoi fare, ma io devo cavalcare Castigo.”
“Ah... quindi non staremo insieme?”
“Purtroppo no. Sai... con te mi sento... felice!” confessò il mio fratellastro.
“Anch'io Murtagh.”
Gli diedi un piccolo bacio sulla guancia e corsi nella mia stanza.
Avevo un intero pomeriggio davanti a me e non avevo idea di come avrei potuto trascorrerlo.
Vivere d'immenso
in un giorno intenso.
Avatar utente
Apprendista Cavaliere
Apprendista Cavaliere
 
Messaggi: 365
Iscritto il: 3 giugno 2011, 23:00
Località: in un labirinto di idee, in cui fioriscono storie nate dalla mia fantasia!
Sesso: Femmina

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE