la vera storia di morzan e brom

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

vi piace?

si
44
92%
no
4
8%
 
Voti totali : 48

Re: la vera storia di morzan e brom

da Zio_Torix » 20 gennaio 2014, 22:09

Bello !!!!!! :))
Il destino ha un crudele senso dell'umorismo
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 141
Iscritto il: 1 settembre 2013, 23:00
Località: Uru'Bean
Sesso: Femmina

Re: la vera storia di morzan e brom

da Mattigon » 8 maggio 2014, 15:55

bello! :laugh:
Avatar utente
Argetlam
Argetlam
 
Messaggi: 205
Iscritto il: 21 aprile 2014, 23:00
Località: Ellesmera
Sesso: Maschio

Re: la vera storia di morzan e brom

da Galbatorix99 » 7 marzo 2015, 23:48

innanzitutto vorrei scusarmi per la mia lunghissima assenza(più di 1 anno lo so) spero che ci sia ancora qualcuno interessato alla ff e se così fosse magari a causa del lasso di tempo passato si fosse perso vi faccio un breve riassunto degli ultimi capitoli:


Allora Brom ha iniziato a fondare i Varden e fomente la ribelllione al sud dell'impero,tuttavvia durante la battagli per cthrì uccide Arianna(la fidanzata di Morzan) che molti di voi odiavano,tuttavia ella era incinta di Morzan e per questo motivo in Brom nasce una specie di senso di colpa dovuto al fatto che ha ucciso un innocente,questo mette in Brom segno di malvagità e inizia a parlare con la sua dragonessa morte Saphira(primi segni di follia) che cerca di far tornare Brom com'era un brav'uomo che avrebbe risparmiato una donna incinta nonostante fosse una rinnegata. Brom ammette di aver sbagliato ma non si pente,dicendo che indietro non si torna e che non diventerà mai come i suoi nemici. Nel frattempo Morzan saputo della morte di Arianna inizia la ricerca di Brom per vendicarsi.


CAPITOLO 48
Morzan volava in aria a bordo del suo drago rosso,carico di rabbia e odio.
Brom era nel bosco,lo scandagliava con la mente trovando solo animali e insetti.
Dopo un però finalmente intercettò la mente dell'ex-cavaliere,che si richiuse e cercò di proteggersi. Era inutile a Morzan non interessava conquistare la sua mente voleva schiacciarlo e ucciderlo con le sue mani,voleva vedere il sangue uscire a fiotti dalla gola, voleva ridurlo pezzi pezzi e mettere la sua testa su una picca.
Ordinò al drago di atterrare,fregandosene delle chiome degli alberi che coprivano il bersaglio, scese a terra, la furia che assaliva Morzan era incommensurabile, guardava Brom con disprezzo ed esso ricambiava.

Pronto a duellare con lui.
"Eccoti! Morzan era molto che aspettavo questo momento! Pagherai per le tue colpe Wyrdfell!"
"Ti sbagli Brom! Io oggi squarterò il tuo corpo e porrò fine a questa misera ribellione. Pagherai per quello che hai fatto alla mia amata!"
Morzan guardò Brom dritto negli occhi,in lui trovò qualcosa di diverso, certo non era più quel giovane innocente di due anni prima,ma oltre alla rabbia e alla vendetta c'era odio e una vena di follia. Sorrise compiaciuto, Brom provava esattamente ciò che provava lui.
"A quanto pare siamo più simili di quanto credessi Brom!" pensò il rinnegato.
Brom fece la prima mossa, estrasse la sua spada e attaccò Morzan con un fendente verso la testa, Morzan schivò, estrasse Zar'roc e attaccò a sua volta,le due spade si affrontarono, ma in breve la spada di Brom si frantumò, la spada del rinnegato era troppo forte.

Brom appena vide la sua spada frantumarsi capì che era finita, non voleva scappare,ma se moriva chi avrebbe guidato i Varden?
Morzan,con grande sorpresa di Brom,conficcò la sua spada nel terreno.
"Non ti ucciderò in questo modo, sei disarmato.."
"E da quando hai pietà?" lo interruppe Brom.
"Non ho detto che ti risparmierò!- continuò Morzan - Ti ucciderò a mani nude!"
Detto questo il rinnegato si tolse la parte superiore dell'armatura e la cotta di maglia, rimanendo a petto nudo, e indicando a Brom di farsi avanti. Brom non si fece attendere si tolse a sua volta armatura e cotta di maglia e si fece avanti.
Si avvicinarono Brom lo colpì con un pugno allo stomaco e poi un sinistro al volto,il rinnegato sputò un dente e passò al contrattacco, colpì a sua volta il cavaliere blu con un pugno ai reni e poi provò a prenderlo al volto ma Brom schivò e colpì Morzan con una gomitata alla schiena, il rinnegato caddè a terra,Brom ne approfittò per sferrargli un calcio al viso,Morzan rotolò per terra, aveva il naso rotto,preso da rabbia cieca si scagli contro Brom e lo buttò a terra e iniziò a colpirlo con dei pugni al volto,la situazione si ribaltò subito con Brom che attaccò la mente di Morzan che costretto a difendersi si fermò per qualche istante,ma ciò bastò a Brom per ribaltare la situazione, togliersi Morzan di dosso e rialzarsi in piedi.
Il rinnegato si rialzò e andò all'attacco di Brom con gancio che schivò agevolmente. Ma poi Brom colpì Morzan con un pugno micidiale, il rinnegato cadde a terra,vicino a Zar'roc. Morzan preso dalla furia prese la spada urlando di rabbia e con un fendente fulmineo gli tranciò di netto la mano.
Brom urlò dal dolore mentre il sangue usciva a fiotti. Morza trionfante guardò Brom,che era finito in gioncchio, mentre cercava di fermare l'emorragia.
Brom a quel punto fece l'unica cosa sensata da fare,seppur disonorevole, prese la sua mano amputata e scappò via. Morzan si mise ad inseguirlo. Lo rincorso per un ventina di metri finchè Brom non si ritrovò di fronte a un
fiume.
Morzan che gli era dietro lanciò la spada rossa, che arrivò precisa sulla schina dell'ex-cavaliere. La spada lo aveva trapassato da parte a parte.
Morzan prese Zar'roc e la tolse dal corpo di Brom. Il sangue uscì dalla ferita del cavaliere,era caldo lo sentiva scorrere sulla sua pelle, conscio ormai dell'inevitabile fine Brom si tuffò in acqua per evitare che Morzan facesse scempio del suo corpo.
Mentre Brom veniva cullato dalla corrente, sentì Morzan urlare di rabbia.
Il resto venne avvolto in un manto scuro.
"Saphira sto arrivando" pensò.
"Non ancora piccolo mio" rispose il drago nella sua testa.
Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2537
Iscritto il: 13 maggio 2011, 23:00
Località: uru baen
Sesso: Maschio

Re: la vera storia di morzan e brom

da oromiscanneto » 11 marzo 2015, 23:46

Bentornato Galba! Io ci sono ancora, non ricordavo un bel po' di cosette :rolleyes: ma non è stato difficile ricongiungersi alla tua storia. Hai aggiunto diversi elementi che rendono la ff interessante senza cambiare le linee guida che devi seguire rispetto all'originale, ricordo che l'inventiva era il tuo pezzo forte!
Mi fa piacere rileggerti, di questo post mi è piaciuto soprattutto il finale con questo Brom folle e in punto di morte, non hai perso il filo direi; bravo!
http://www.eragonitalia.it/postt16311.html
"Chi si piega come una canna trionfa!"
Oromis del Casato di Thrandurin
Immagine
"Los Que Sueñan Son Felices Hasta El Fin"
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2070
Iscritto il: 28 dicembre 2011, 0:00
Località: Luthìvira
Sesso: Maschio

Re: la vera storia di morzan e brom

da Galbatorix99 » 25 marzo 2015, 19:39

rieccomi con un nuovo capitolo

CAPITOLO 49

Brom si sveglio all'improvviso. Sentiva il suo corpo debole e intorpidito, riusciva a malapena a muoversi. Si guardò in torno, e mentre una donna usciva dalla stanza urlando "Si è svegliato!".
Dopo un pò riconobbe quelle che erano le sue stanze nel castello di Cithrì. Ricordo del bosco, di Saphira che gli faceva la predica e sopratutto dell'arrivo di Morzan! Di come avessero lottato prima con le spade e poi a mani nude, dello scontro all'inizio pari poi Brom lo stava per vincere,quando Morzan gli tagliò la mano.... la sua mano!!! Brom guardò dove avrebbe dovuto esserci un moncone e invece vide la sua attaccata perfettamente,era pulita,c'era solo un piccolo segno che circoncideva tutto il polso,dove aveva colpito Zar'roc,riusciva a stento a muoverla.
Nella sua stanza entrò un lord Ralkin che disse "Mio caro Brom devo essere sincero...Hai av.uto una gran fortuna!!! Ti abbiamo trovato sul fiume sanguinante ferito al petto con la tua mano sinistra che aveva la mano destra stretta in pugno! E la ferita infilitta dalla spada del Rinnegato e passata fra il cuore e il polmone senza danneggiarli,i maghi che ti hanno guarito,hanno impiegato più energia ad attaccarti la mano che a guarire la ferita al petto."
"Lord Ralkin per quanto tempo ho dormito?" chiese Brom.
"Per un periodo di due giorni" replicò il nobile.
"Come va la guerra?"
"Beh... ci sono dei miglioramenti la morte di Arianna ha causato un grande dolore in Morzan,che ha deciso di lasciare il comando a Enduriel, lui è tornato col corpo della donna ad Uru'baen,per seppellirla ovviamente. Ora
Brom vi lascio è meglio che vi riposiate"
Brom cercò di rilassarsi ma non ci riusciva,non faceva altro che pensare alla battaglia contro i rinnegati e l'Impero. Si alzò dal letto e andò a guardare le mappa di Alagaesia,i Varden avevano conquistato o convinto a insorgere Aberon,Daught,Cithrì e Petroya; mentre Arughia,le isole del Sud si erano rifiutate per paura nei confronti del nuovo Re.
"Essenzialmente abbiamo tutto il territorio a sud di Cithrì. Sarà già dura risalire fino ad Uru'baen... per non parlare di conquistarla hanno fallito gli elfi! Non abbiamo speranze!" tutto ciò faceva arrabbiare l'ex-cavaliere.
"E allora fermati!" disse la voce fantasma di Saphira.
"No!!! Non mi posso fermare, è troppo importante andare avanti! non possiamo lasciare Alagaesia nelle mani di Galbatoris e Morzan!"
"Giusto, ma non possiamo nemmeno batterli. Loro hanno i draghi, e l'immenso potere degli Eldunarì!" repllicò la dragonessa morta.
"Tu sei solo nella mia testa! Perchè dovrei ascoltarti?"
"Proprio per questo motivo! Sono un prodotto della tua mente,del tuo subconscio! Io dico quello che non vuoi dirti da solo!"
"E allora che facciamo? Io non voglio smettere di combattere"
"Tu non smettere,risparmia gli altri,il sud dell'Impero seppur una minima parte e nelle tue mani, fonda un regno indipendente dall'Impero"
"Non voglio governare" rispose.
"E allora non farlo! Scegli qualcun'altro!"
"A chi?Un nobile?Oppure a uno dei Varden?... No la nobiltà non acceterebbe mai un re popolano..."
"Allora un nobile sia Brom!" disse insistente la voce della draonessa morta.
"No! Io ho fondato i Varden siamo numerosi ora e non acceterebbero mai un nobile al comando!"
"E allora non farlo,fonda un regno a parte, e i Varden resteranno un entità ribelle e indipendente dal nuovo stato."
" E un ottima idea magari il quartier generale sarà nei monti Beor! Re Rothgar aveva promesso di ospitarci un giorno, e lui è una persona d'onore non cercherebbe mai di controllarci! Però..."
"Però tu non vuoi stare fermo dietro a una scrivania sei un uomo d'azione" replicò Saphira.
"E allora lascerò il comando..." si disse in fine Brom.
"Saphira mi lascierai mai la mia testa?"
"Brom la risposta la conosci,io sarò nella tua testa finchè le tenebre non spariranno mai dal tuo cuore" replico la dragonessa blu.

Guardava la lapide della sua amata. C'era scritto:
"Qui giace Arianna,Signora della giustizia Cavaliere di Drago liberatrice di Alagaesia dalla tiranni dell'ordine dei Cavalieri dei draghi".
Morzan era in piedi davanti alla tomba,delle lacrime solcavamo il suo volto. Ora più che mai sentiva la mancanza del suo drago ormai senza più un nome.
"Arianna io ti ho amato più di qualsiasi altra cosa al mondo,più del mio drago,più del nostro sogno portato avanti insieme al Re Galbatorix, e nonostante ci siamo riusciti, nonostante abbiamo debellato un intero ordine di porci corrotti e fatto cadere un vile Re sconfitto gli elfi,i nani e gli uomini...quando tutto sembrava riuscito,quando finalmente potevamo andarcene e vivere felici qui, sulle sponde del lago Leona,tu sei morta! Uccisa da quel vile di Brom! Non posso non pensare che sia colpa mia! Io ho sbagliato e Galbatorix per punirmi ti ha mandato in prima linea,eppure non credo ti sarebbe successo qualcosa se non fosse stato per la presenza di Brom! Io avrei potuto ucciderlo a Doru'areaba! E non ce l'ho fatta! Se lo avessi ucciso quel giorno! Se mi fossi assicurato che fosse morto! Tu forse oggi saresti e magari il sud non sarebbe in rivolta!"
"Morzan, i se sono solo per i filosofi,i deboli e i piagnoni! Tu non sei nessuno di questi!" disse una voce dietro di se.
Il rinnegato si girò e vide sua Maestà Re Galbatorix guardarlo.
"Mi dispiace terribilmente per la tua perdita! In fondo mi sento in colpa,sono stato io a mandarla in prima linea, senza di te per giunta! Era un valido elelmento e una donna eccezzionale! Ti amava più della sua stessa vita, ciò che mi rammarica maggiormente è la possibilità che tu possa dare la colpa a me e cercare di uccidermi! Come ho detto prima in parte la colpa è mia,ma non potevo immaginare che Brom fosse in grado di ucciderla, in fondo lui non ha nemmeno un drago... un errore di valutazione che non commetterò più"
"Sire..zio... non oso darvi la colpa voi siete l'unica persona che ritengo parte della mia famiglia non posso odiarvi! Comunque non vi dovete preoccupare, Brom l'ho ucciso,la sua testa sarebbe su una picca a quest'ora se non si fosse buttato in acqua!" rispose Morzan.
Galbatorix lo guadò per un po' poi lo abbracciò. Morzan rimase per un attimo interdetto da quel gesto di affetto da parte del Re.
"Morzan purtroppo devo andare, ti lascio, non ho finito di dominare tutti gli eldunarì,ho lasciato il compito in sospeso solo per starti vicino in questo momento."
"Quindi non prenderete parte alla guerra che brucia il sud dell'impero?"
"No, ma sono sicuro che voi nove ci riuscirete" detto questo Galbatorix se ne andò salendo in groppa a Shruikan.
Morzan si rivolase di nuovo alla tomba di Arianna.
"Tu sei riuscita a penetrare il mio cuore di pietra...con te muoiono i miei ultimi sentimenti. Addio"




FINE SECONDA PARTE
Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2537
Iscritto il: 13 maggio 2011, 23:00
Località: uru baen
Sesso: Maschio

Precedente

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE