La vera storia di Murtagh e Nasuada

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

Com'è?

Semplicemente... WOW!
9
69%
Mhhh... Così così...
4
31%
Fa davvero schifo!
0
Nessun voto
 
Voti totali : 13

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Robinia97 » 28 agosto 2012, 13:45

Il capitolo è bello, attenta a qualche errore grammaticale...ma per il resto è bellisssiiimmmoooooo :D :D :D :D :D continua così
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 805
Iscritto il: 7 settembre 2011, 23:00
Località: Nel giorno in viaggio nel tempo con il dottore mentre la notte volo con Murty per Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da oromiscanneto » 28 agosto 2012, 14:28

Oh cielo! Bel post nella descrizione della zuffa, e poi della pace :rolleyes: Scorrevole, e comunque piacevole :) poi sono rimasto interdetto :ahhhhh: un portale al quale si arriva uccidendo una persona cara... :sospettoso: Mha...
http://www.eragonitalia.it/postt16311.html
"Chi si piega come una canna trionfa!"
Oromis del Casato di Thrandurin
Immagine
"Los Que Sueñan Son Felices Hasta El Fin"
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2070
Iscritto il: 28 dicembre 2011, 0:00
Località: Luthìvira
Sesso: Maschio

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da darkangel98 » 28 agosto 2012, 16:50

Oh cavol cavolo cavolo cavolo cavolo!!!!!!! Uccidendo una persona a te cara!!!!!!!
E adesso come faranno! Non posso credere che Murtagh ucciderà Eragon o Nasuada o qualcun' altro ma non può abbandonare sua sorella, mi sta simpatica!
Ti prego dicci al più presto cosa succederà sono scioccata!
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 7 marzo 2012, 0:00
Località: ancona
Sesso: Femmina

Re: RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 28 agosto 2012, 20:10

darkangel98 ha scritto:Oh cavol cavolo cavolo cavolo cavolo!!!!!!! Uccidendo una persona a te cara!!!!!!!
E adesso come faranno! Non posso credere che Murtagh ucciderà Eragon o Nasuada o qualcun' altro ma non può abbandonare sua sorella, mi sta simpatica!
Ti prego dicci al più presto cosa succederà sono scioccata!

hahahahahahahahahahaha! ci sei rimasta male, eh? :laugh: [spoiler]Sto scrivendo il prox post...[/spoiler]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da PuCcIaFoReVeR » 1 settembre 2012, 13:07

come promesso mi sn iscritta e ho letto la tua ff... è davv bella... i primi post nn sono neanche scritti prefettamente... ma negli ultimi hai fatto progressi! :laugh: postaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Immagine
La mia nuova ff... passate a leggerla :)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 31 agosto 2012, 23:00
Località: Torino
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 24 settembre 2012, 16:56

http://www.youtube.com/watch?v=2bQG8v8k ... detailpage

Nella testa del Cavaliere vi erano le immagini di tutte le persone a lui care. Nasuada, Eragon, Castigo, Elettra, i tre gemelli – Arget, Peiton e Kevan – , Saphira, Selena. Chi avrebbe scelto? Non poteva decidere di sacrificare uno di loro soltanto per entrare in un regno che non esisteva. Sarebbe stato sciocco, sarebbe stato egoista. Non poteva fare una preferenza. Non sapeva fare una preferenza. Nasuada sarebbe stata l’ultima persona che avrebbe sacrificato. L’aveva già persa troppe volte e non voleva perderla nuovamente. Come lei, anche i suoi tre figli sarebbero stati fuori dalla scelta. Perché dare loro la vita se poi te la riprendi a neanche un anno dalla nascita? Castigo era l’unico amico che era rimasto con lui anche nel momento del bisogno, consolandolo e rimarginando le sue ferite. Eragon era stato un buon compagno di viaggio e con il passare del tempo era diventato come un fratello per lui, finchè il re Galbatorix non gli aveva rivelato che lo era veramente: un altro figlio di Morzan, un’altra persona da difendere a costo della propria vita. Era quello che provava nei confronti del ragazzo castano che non la smetteva mai di fare domande. Gli voleva bene. Gli voleva un mondo di bene, anche se un giuramento gli impediva di dimostrarglielo apertamente. Ma nelle sue azioni gliel’aveva fatto capire, risparmiandolo più di una volta alla prigionia. Ed era ciò che provava anche nei confronti della sorella-strega. Ma... no. Lei avrebbe anche potuto ucciderla, in fondo. Avrebbe reso tutto più facile. Non sarebbe dovuto andare nel regno delle streghe, si sarebbe sacrificata per tutti loro per placare la furia del nuovo pericolo. Ma chi poteva scegliere? Chi?
«Murtagh? Murtagh, stai bene?» Una voce lo riportò alla realtà. Nasuada era inginocchiata davanti a lui e gli teneva il viso con le mani con la preoccupazione dipinta sul volto.
«S-sì. C-credo di sì.» rispose lui poco convinto.
«Cosa sta succedendo qui? E cosa ci fa quella sgualdrina in camera nostra?» chiese indicando la strega.
«Non mi sembrava che ti dispiacesse avermi accanto mentre urlavi come una matta nel cottage...» sbottò la ragazza incrociando le braccia al petto.
«Già ma cosa ci fai qui con mio marito?» chiese acida la regina, facendosi prendere dalla gelosia.
«Lui è anche mio fratello!» gridò la strega sopraffatta dalle emozioni.
«Fratellastro...» sibilò Nasuada tirandosi in piedi.
«Ah, sì? Vediamo se davvero proteggerà te o me...» rispose Elettra accendendo un fuoco fluttuante sul palmo, pronta a scagliarlo alla prima occasione verso la regina.
«Fatti avanti, streghetta dei miei stivali!» gridò la donna scura prendendo un pugnale dalla manica.
«Oh, insomma! Volete smetterla?» gridò il Cavaliere e le due si fermarono. Nasuada tornò in ginocchio davanti al ragazzo. «Cosa sta succedendo?» chiese con un sussurro.
«N-niente, ero solo sovrappensiero.»
«Dovresti chiedere alla tua cara mogliettina cosa sta realmente accadendo. Lei lo sa.» suggerì Elettra.
«Sta’ zitta!» le ringhiò la regina.
«Si può sapere perché vi odiate tanto?» chiese il Cavaliere spostando lo sguardo dalla strega alla regina, e viceversa. «La colpa è sua! Ti sta allontanando da me!» dissero all’unisono le due, guardandosi in cagnesco.
«Quindi il problema sono io...» constatò lui. La strega annuì, mentre la regina scosse il capo.
«Bene. Allora desidero che non litighiate più. Dovrete andare d’amore e d’accordo.»
«Cosa?» esclamarono guardandolo incredule. Lui annuì, incrociandosi le braccia al petto.
«E vi dirò di più! Sono stanco di vedere le scintille ogni volta che vi avvicinate! Ora me ne andrò da questa stanza e voi parlerete in modo civile!» gridò il Cavaliere prima di uscire sbattendo la porta.
Nasuada cadde in ginocchio a terra, nascondendo il viso tra le mani. «Cosa ho fatto?» mormorò. Elettra perse le staffe. «Il mondo non gira intorno a te, lo sai?» sbottò. La regina alzò lo sguardo. Lacrime trasparenti riflettevano la luce dorata del sole, illuminandole il viso d’ebano con fili aurei.
«Come?» chiese guardandola con la bocca aperta in una smorfia triste.
«Ho detto che...» iniziò la strega seccata. Nasuada la zittì con un gesto della mano.
«Ho capito benissimo cosa hai detto.» rispose acidamente. Il silenzio calò tra le due.
Nasuada iniziò ad annodare i fili del corpetto gli uni gli altri in strane forme fantasiose, mentre la strega la fissava con la rabbia alle stelle. Nasuada alzò lo sguardo fugacemente, per poi tornare ai suoi fili.
«Perché mi odi tanto?» le chiese improvvisamente. La strega la guardò sbalordita.
«Come, scusa?»
«Perché mi odi? Insomma, cosa ti ho fatto? la prima volta che ti ho vista mi eri sembrata felice di poterti aprire con una ragazza. Cos’è cambiato nel frattempo?»
Elettra espirò sonoramente, azione che poteva facilmente essere scambiata per uno sbuffo. Si sedette sul letto, appoggiando i gomiti alle ginocchia e il mento sulle mani. «Intenzionalmente non hai fatto nulla.»
«E allora dov’è il problema? Ti chiedo scusa se ti ho recato torto in qualsiasi modo.»
«Vedi? È di questo che sto parlando: della tua bontà infinita. Mi fai saltare i nervi quando ti comporti in quel modo.» sbottò voltandosi dall’altra parte per non saltarle addosso.
«Scu...»
«No! Non dirlo! Non scusarti!» ringhiò.
«Scu... ehm... va bene... cercherò di non infastidirti più...»
«E io cercherò di non ucciderti prima del tempo...»
Nasuada sorrise sinceramente. La porta si aprì ed entrò Murtagh. «Prenderò queste due ultime frasi come un patto di pace.» disse avvicinandosi alle due e prendendole per i gomiti. «Ora andiamo.»

La porta della Stanza del Consiglio si aprì violentemente, facendo entrare Murtagh, Nasuada e la strega che si era rivelata la sorellastra – stavolta per davvero – di Eragon. Si sedettero attorno al tavolo ottagonale.
«Vorrei sapere il perché di questa riunione così urgente, Murtagh. Esigo una spi...» iniziò Eragon, ma fu interrotto bruscamente dal fratello. «Tu non esigi proprio niente! Non sei il re qui. E ti sarei grado se stessi zitto zitto ad scoltare quello che ho da dire, senza interrompermi.»
Sai che non ci riuscirà... , tentò Castigo di tirargli su il morale.
Non ti ci mettere anche tu... non sono dell’umore giusto...
Scusa...
No... scusami tu, amico mio...

«Come puoi aver notato nostra sorella è tornata.» esordì il Cavaliere rosso.
«Vorrei sapere proprio il perché...» intervenne Eragon.
«Anche io, in realtà.» aggiunse Nasuada in un sussurro appena percettibile.
«Siete tutti a conoscenza del nuovo pericolo che incombe su tutti noi. Sono venuta a chiedere protezione.» intervenne Elettra alzandosi in piedi, per sporgersi verso il Cavaliere azzurro.
«Ma se così è hai fatto molta strada per niente. Nemmeno noi siamo al sicuro.» ribatté lui. Era evidente che la presenza della strega non gli andasse del tutto a genio.
«Non è vero... voi possedete l’unica arma esistente per sconfiggerlo...»
«E se anche fosse? Noi non verremmo di sicuro a consegnarla a te...»
«Non sono venuta per questo! Il mondo da cui provengo è molto complicato... le streghe hanno paura... e mi hanno offerta in sacrificio per placare la sete di sangue di questo nuovo terribile nemico. È da questo che dovete proteggermi!»
«Dovete? Io cambierei in potete...»
«Sì, hai ragione! Voi non siete obbligati a rischiare. Ma Murtagh mi vuole bene... mi vuole bene veramente... e mi proteggerà a costo della sua stessa vita... Io lo conosco...»
«E come puoi esserne sicura? Ormai ha dei figli a cui badare. Non può rischiare di morire per la sua sorella bastarda!»
«Io... io...» la strega sembrava sull’orlo di piangere. «Io lo so e basta...»
«Eragon... smettila... sei accecato dai sentimenti... ti prego di calmarti...» disse Nasuada calma, allungando un braccio sul tavolo e prendendogli la mano.
«Per salvare Elettra sarò costretto ad entrare nel mondo delle streghe... e... per entrarvi... ecco io... dovrei...» Murtagh esitò e tacque.
«L’unico modo per entrare nel mondo delle streghe se non lo si è, è uccidere una persona cara...» concluse la strega. Eragon e Nasuada rimasero senza fiato. La seconda abbassò lo sguardo, iniziando a mormorare frasi indefinite. Eragon, invece, rimase a bocca aperta, imprecando tra i denti.
«Quin... quindi mi avete convocato perché avete deciso di uccidermi?» i suoi occhi s’imperlarono di lacrime.
«Assolutamente no!» gridò Murtagh, scattando in piedi pochi secondi dopo il fratello minore.
«E allora perché?» chiese allargando le braccia, stringendo il naso per ricacciare indietro le lacrime.
«Volevo che parlassi con nostra madre...» disse Murtagh sentendosi un animale.
«Non sono ancora pronto...» mormorò Eragon avvicinandosi alla porta.
«Devi... potrebbe essere l’ultima possibilità di chiarire...»
Eragon comprese subito la frase del fratello, sbiancando. «Non puoi farlo... non lei... ti prego...»
«Devo... è l’unica che accetterebbe...»


Aggiunto dopo 6 minuti:

eh, sì, ragazzi! finalmente dopo un'eternità ho postato!!!!!!!!! *me si guarda intorno e quasi sviene* ma... ma... ma siete tutti morti!!!!!!!!!!! nuoooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!! come ho potuto lasciare che accadesseeeeeeee???????????????!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
no, dai... a parte gli scherzi... mi sono tolta un grosso fardello dalla coscienza credo che si scriva con la i :( ) e ho postatoooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! nn dimenticatevi di commentare e... nn vi dico a k punto della storia siamo o qualcuno\a mi fucila...
Ultima modifica di Murtagh4e il 29 aprile 2013, 15:43, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da PuCcIaFoReVeR » 24 settembre 2012, 16:58

bel cappi... ma... nn può uccidere selena!!!!!!!!!!!!
Immagine
La mia nuova ff... passate a leggerla :)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 55
Iscritto il: 31 agosto 2012, 23:00
Località: Torino
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 24 settembre 2012, 20:43

si che può... lui fa tutto quello che scrivo io! :sospettoso:
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da darkangel98 » 24 settembre 2012, 21:02

Oh no! Non può uccidere Selena! Però Elettra se lo merita! Come fai a scrivere cose del genere? Ci stai uccidendo tutti dalla suspance! E non capisco perchè Elettra eNasuada si odiano così tanto. La storia della bontà infinita è stato un tocco di stile, mi ci rispecchio molto, anch' io ho questo problema con un' amica
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 132
Iscritto il: 7 marzo 2012, 0:00
Località: ancona
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da oromiscanneto » 24 settembre 2012, 22:30

:blink: sogno o son desto?! Hai postato! :D e che post tra l'altro! Scritto ALLA GRANDE, con un buona resa di sensazioni :) fatto progressi... Certo mancano i dettagli nella descrizione, ma con i dialoghi passano in secondo piano... Migliorerai anche in quello, sei molto brava ;)
Murtagh4e ha scritto:risparmiandolo più di una volta alla prigionia

Questo è detto un po' male... Ma per il resto davvero un ottimo post ;)
Eragon è anche troppo nervoso :rolleyes: :sospettoso: Murtagh come sempre [smilie=superman.gif] e Selena... Sembra davvero l'unica scelta :( vabbe, dopo tuto quello che é successo ci sta ;) Elettra sembra gelosa di Nasuada oltre che di carattere opposto...
Ultima modifica di oromiscanneto il 25 settembre 2012, 19:28, modificato 1 volta in totale.
http://www.eragonitalia.it/postt16311.html
"Chi si piega come una canna trionfa!"
Oromis del Casato di Thrandurin
Immagine
"Los Que Sueñan Son Felices Hasta El Fin"
Avatar utente
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 2070
Iscritto il: 28 dicembre 2011, 0:00
Località: Luthìvira
Sesso: Maschio

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 25 settembre 2012, 17:29

eh eh ehm... *me tossicchia* guarda k si chiama Elettra... ELETTRA... visto k mi hanno appioppato lo stesso nome potrei anche offendermi! grazie comunque per essere passati! Ambos!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Lexus » 25 settembre 2012, 18:31

Nella tua ff eragon fa le corna ad arya (o per lo meno fino dove ho già letto...)
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 12
Iscritto il: 13 settembre 2012, 23:00
Località: Campo mezzo-sangue
Sesso: Maschio

Re: RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 25 settembre 2012, 20:09

Lexus ha scritto:Nella tua ff eragon fa le corna ad arya (o per lo meno fino dove ho già letto...)

nn tecnicamente... Arya è morta... :sospettoso:
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Robinia97 » 26 settembre 2012, 15:30

Ehi mi sono persa qualcosa? nn può uccidere selena oh!!!!!! nn tutti sti ammazzamenti!!! postaaaaa :) :)


Spoiler per tutti!!! :) :)
[spoiler]Andate a vedere questo sito. Una scoperta favolosa, come i cristalli d'acqua possono cambiare in base alla vibrazione che diamo con la nostra voce :D :D :D
http://www.thesoulofwaterproject.com/project.html[/spoiler]
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 805
Iscritto il: 7 settembre 2011, 23:00
Località: Nel giorno in viaggio nel tempo con il dottore mentre la notte volo con Murty per Alagaesia
Sesso: Femmina

RE: La vera storia di Murtagh e Nasuada

da Murtagh4e » 1 ottobre 2012, 10:21

La stanza era buia e silenziosa. La donna, alta e longilinea con i capelli rosa e gli occhi viola, scrutava la superficie piatta dell’acqua come se aspettasse qualcosa. Mise le mani ai lati della bacinella di metallo che rifletteva i deboli raggi di luna che s’infiltravano attraverso le pesanti tende nere. Formulò alcune frasi in una strana lingua e la superficie s’increspò, riproducendo l’immagine del castello di Ilirea. Un uomo – ancora un ragazzo, in realtà – camminava lentamente per i corridoi illuminati da flebili fiammelle nelle lampade dei nani. Teneva in mano una daga tempestata di diamanti e rose di metallo sull’impugnatura. Arrivò fino ad una piccola porta con intarsi d’oro e fece un cenno alle guardie, che si allontanarono. Si guardò intorno e fu allora che la donna lo riconobbe. Come scordarsi quegli occhi azzurro-ghiaccio che un tempo erano appartenuti ad un servo dell’Impero del Cavaliere nero? Quegli occhi, che avevano torturato una povera prigioniera – la sua amata – solo per paura della punizione del re. Gli occhi che erano stati ricoperti del suo stesso sangue nell’ultimo decisivo scontro. Quelli che erano stati perdonati e guardati con amore dal capo dei Varden, liberandosi finalmente del peso delle colpe. Aprì la porta ed entrò, lasciandola socchiusa. La superficie s’increspò nuovamente, per poi tornare liscia e mostrare l’interno della camera. Una donna dormiva sul fianco, dando la schiena al Cavaliere. Questo strinse l’impugnatura della daga per un paio di minuti, conficcandosi le piccole rose nella pelle e facendo scorrere piccoli rivoletti di sangue scuro. Si avvicinò al letto, posando la lama sul piccolo comodino al suo fianco.
Sapevo che prima o poi avrebbe tradito il Regno. Il sangue non mente mai... , pensò la donna stringendo le palpebre. Il ragazzo prese la mano della donna, posandosela sulla guancia. Si sfregò compiaciuto da quel contatto, chiudendo gli occhi per assaporare il momento. Davvero è diventato così crudele? , si chiese. La regina non doveva fidarsi di lui... io glielo avevo detto...
Il ragazzo prese con dolcezza la donna tra le braccia, stendendola sulla schiena. Il cuore della donna perse un battito. Per fortuna non era la regina. Se fosse morta per mano del figlio di Morzan sarebbe scoppiata una guerra di dimensioni spaventose, che avrebbe richiesto l’intervento dei popoli mistici, come le streghe, gli elfi, i nani e gli Urgali. La donna aprì lentamente gli occhi color nocciola e guardò il ragazzo con dolcezza. Poi il suo sguardo si spostò sull’arma, senza cambiare espressione. Come può guardarlo così, ha visto la daga! , pensò la donna.
“Madre, mi dispiace.” disse lui con un filo di voce. Lei scosse la testa con fermezza.
“So perché sei qui, figlio mio. Stai facendo la cosa giusta.”
“Ma... madre! Come potete dire così? Sto per uccidervi!”
“È la cosa giusta da fare. So che lo stai facendo per salvare tua sorella. E con lei anche tua moglie e i tuoi figli. Se mai avessi desiderato morire – ed è accaduto spesso – avrei voluto morire per salvare le persone che amo. E tu sei quella che amo di più in assoluto. E con te anche Eragon.”
“Siete ancora molto giovane e non avete potuto passare del tempo con Eragon.”
“Non cercare scuse. O ti sentirai in colpa. Uccidimi. E fai in fretta.” La donna chiuse gli occhi, aspettando che il suo cuore fosse trafitto dalla lama fredda della daga. Il Cavaliere esitò un attimo, poi prese il pugnale e lo alzò sopra alla testa. Chiuse gli occhi e lo calò con un gesto secco nel cuore della madre. «NO!» La regina buttò a terra il bacile, riversando il contenuto sul pavimento. Si accovacciò a terra e continuò a guardare la scena attraverso le gocce sparse sul marmo rosso. Il ragazzo prese una coppa dorata e ci versò dentro un po’ del liquido vitale della donna. «NO!» gridò ancora, facendo accorrere una ragazza dai capelli del colore del sangue. Il vestito nero con filamenti rossi della ragazza sobbalzò con lei nel momento in cui si accovacciò accanto alla donna. «Che succede?» chiese prendendole le spalle.
«Il Cavaliere rosso ha ucciso la strega più potente che esista. E sta per usare il suo sangue per venire nel nostro mondo.» gracchiò la donna.
«Lo fermeremo.» aggiunse la ragazza.
«Non possiamo. Sta usando il sangue della strega Originale per entrare nel nostro mondo. Ha poteri di sottomettervi tutte.»
«Mia Signora...»
«Va’ a prendere altro sangue di unicorno. Io escogiterò un piano.»
«Sì, mia Signora.» mormorò la ragazza alzandosi e svanendo dalla stanza.
Ultima modifica di Murtagh4e il 17 ottobre 2012, 9:14, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1075
Iscritto il: 22 aprile 2012, 23:00
Località: Movesment-Workshop @LesArts 4-5 Maggio 2013
Sesso: Femmina

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE