The Story Continues... After the And

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, AnnaxD, Saphira23, Arya18, SkulblakaNuanen, Wyarda, blitz, Daenerys, oromiscanneto

RE: The Story Continues

da smeraldina96 » 3 maggio 2013, 14:59

wow la cosa si fa interessante, i soldati erano della misteriosa regina e come alleato ha Vermund, il bastardo dei nani..... ovvio, ora tutti i nemici si alleano :D!!!!!! molto divertente!
Immagine[http://i43.tinypic.com/2hyj52x.jpg[/img][/url]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1855
Iscritto il: 13 giugno 2012, 23:00
Località: Rupe di Tel'naeir
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 3 maggio 2013, 18:38

Grazie smeraldina96 per avere commentato,
si le cosa si faranno sempre più interessanti, ho in serbo altre sorprese per il futuro e una di queste, se riuscite a leggerla tra le righe dell'ultimo capitolo la capirete :invisibile:

Ciao
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da Vrael99 » 3 maggio 2013, 21:10

allora double ecco secondo me cosa succede [/spoiler] gunak diventa uno spettro cavaliere?[/spoiler]
Avatar utente
Abitante
Abitante
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 11 marzo 2013, 0:00
Località: Vroengard

Re: RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 3 maggio 2013, 21:24

Vrael99 ha scritto:allora double ecco secondo me cosa succede [/spoiler]gunak diventa uno spettro cavaliere?[/spoiler]


:invisibile: Come hai fatto? :invisibile:
Te lo devo dire sei un genio :laugh:
Oltre a questo ci saranno anche altre belle sorprese (risata diabolica) :arms:
Sto scrivendo il secondo capitolo e forse o domani o dopodomani lo posto
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

Re: RE: The Story Continues

da smeraldina96 » 4 maggio 2013, 12:31

DaubleGrock ha scritto:Grazie smeraldina96 per avere commentato,
si le cosa si faranno sempre più interessanti, ho in serbo altre sorprese per il futuro e una di queste, se riuscite a leggerla tra le righe dell'ultimo capitolo la capirete :invisibile:

Ciao

mmmmmm... mi viene in mente qualcosa, ora che me l'hai fatto notare, ma non so se è giusto...... non vedo l' ora di saperlo con certezza!!!!! :D
Immagine[http://i43.tinypic.com/2hyj52x.jpg[/img][/url]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1855
Iscritto il: 13 giugno 2012, 23:00
Località: Rupe di Tel'naeir
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 6 maggio 2013, 11:56

Allora, premetto che in questo capitolo non succede niente di che ma ci soffermiamo sulla coppia Eragon Arya :innamorato:
Questo è solo un capitolo di passaggio, ma è il più lungo che abbia mai scritto [smilie=grin.gif]
Non so perchè quando scrivo capitoi più intensi questi mi vengono corti :lol:
Commentate, dite se vi piance :ok: , ma anche se non vi piace :down:
C'è un nuovo personaggio "simpaticizzimo" ve lo dico da ora
Sero che vi piaccia


Teirm


Era passato un giorno da quando erano partiti e avevano deciso di fermarsi una notte per arrivare riposati per l’eminente battaglia. Si erano accampati al limitare di un piccolo boschetto di pioppi ai piedi della Grande Dorsale sul fianco di un ruscello. Eragon era andato a raccogliere la legna mentre Arya toglieva le selle a Saphira e Fìrnen.
Quando il Cavaliere ritornò, vide Arya di spalle rispetto a lui intenta ad accarezzare l’enorme capo del suo drago verde. I suoi lunghi ricci neri le ricadevano sulle spalle fino al bacino, il suo mantello quasi si confondeva con l’erba del prato. Si ritrovò ancora una volta dopo tanti anni a pensare a quanto fosse bella. Peccato che lei non l’avrebbe mai amato come lui amava lei. Per tanti anni aveva cercato di reprimere i sentimenti verso l’elfa arrivando alla conclusione che più lui li sopprimeva più essi crescevano.
In tutti quegli anni il dolore per la mancanza di lei era stato quasi insopportabile. Quante volte si era svegliato di notte con lacrime calde che dimostravano quanto il suo cuore avesse pianto per la perdita subita. Quelle lacrime erano state per Garrow, Brom, Oromis, Rothgar, ma anche per Roran, Katrina, Nasuada, Murtagh, Orik, Angela, e soprattutto lei, Arya, consapevole che non l’avrebbe più rivista. Ma ora eccolo lì, in viaggio con la donna della sua vita verso una nuova avventura, non come gli aveva predetto Angela che non avrebbe fatto più ritorno in Alagaësia. Decise che quando avrebbe rivisto l’indovina l’avrebbe strozzata per averlo fatto soffrire così tanto per la consapevolezza del suo destino, ma poi si ricordò che era stato lui a decidere se sapere o no il suo Wyrda.
“Credo di essermi innamorato di te dalla prima volta che ti vidi.” pensò
“Forse sarà meglio se lei chiuda la bocca Ammazzaspettri” il Cavaliere sobbalzò a quelle parole e fece cadere i rami che aveva raccolto, era stato Fìrnen a parlare
Solo allora Eragon si accorse di avere la bocca aperta e che stava letteralmente sbavando per aver solo visto Arya inginocchiata davanti a lui.
Il drago lo guardò intensamente ed Eragon colse una nota divertita nella sua voce “Non preoccuparti Eragon, non le dirò niente”
Nel frattempo l’elfa scossa dal fracasso provocato dalla caduta dei rami si girò con fare interrogativo verso il Cavaliere.
“S-scusa, sono inciampato su un sasso.” Balbettò Eragon sperando che il suo volto non si fosse fatto rosso.
“Tra le tante scuse hai preso proprio la più convincente.” Disse sarcasticamente Saphira
Eragon la ignorò, raccolse la legna, preparò un cerchio di pietre e sussurrò “Brisingr” insieme al legno che aveva preso fuoco, la sua spada si alzò di un paio di pollici dal fodero sprigionando una tenue luce.
“Noi andiamo a caccia” disse Saphira
“D’accordo, ma non vi allontanate “disse il Cavaliere
I draghi spiccarono il volo e in poco tempo non furono che due puntini che si stagliavano sul tramonto color rubino.
“Allora, cosa prevede il menù?” chiese Arya
“Credevo che avresti cucinato tu!” protestò il Cavaliere
“I-io?” chiese Arya
“Si tu” era la prima volta che sentiva la voce di Arya tremare
“Ma… ma io… io non… cioè…” balbettò Arya
“Non dirmi che non sai cucinare?” chiese il Cavaliere divertito
“No, io… e d’accordo, non so cucinare, ma non è mai stato necessario impararlo!” disse l’elfa indignata
“D’accordo, significa che oggi avrai la tua prima lezione di cucina” disse Eragon
L’elfa ci pensò un po’ su. “Va bene” disse alla fine.
“Visto che tu cucinerai per la prima volta, che ne dici di una zuppa di spezie?” chiese il Cavaliere
“Se lo dite voi Ebrithil” disse Arya con tono scherzoso.
Eragon le rivolse un sorriso “Io riempio la pentola d’acqua, tu puoi iniziare a tagliare queste” disse il Cavaliere porgendole un sacco pieno di verdure e spezie varie. Arya prese un coltello e iniziò a tagliare le verdure.
Nel frattempo Eragon si era avvicinato al ruscello
“Adurna” sussurrò, un globo d’acqua si sollevò e andò a finire nella pentola. Il Cavaliere pose la pentola sul fuoco e aspettò che l’acqua iniziasse a bollire.
“Ah” Eragon si volse di scatto, Arya si stringeva una mano al petto. Il Cavaliere si precipitò verso l’amica e presa la mano ferita dell’Elfa tra e sue, Eragon sospirò, c’era solo un leggero taglio che gli percorreva il pollice.
“Waise heill” sussurrò e in pochi secondi il taglio si rimarginò.
“Grazie” sussurrò l’elfa “ultimamente sono davvero sbadata” Arya guardò la sua mano e arrossì.
Eragon si accorse di tenera ancora la mano dell’Elfa tra le sue, arrossì a sua volta lasciandola andare.
“Credo che possano bastare” disse Eragon per dissipare l’imbarazzo indicando le verdure.
“Devono bastare” disse Arya convinta
“Perché?” chiese il Cavaliere
“Dopo quello che ho passato per tagliarle” disse lei
“Per quel piccolo taglietto?” chiese Eragon divertito. Arya lo fulminò con un’occhiataccia. “D’accordo” si arrese il Cavaliere
Eragon prese le verdure e le mise a bollire, dopo un po’ iniziò a mescolare la zuppa.
“Quanto tempo ci vuole perché sia cotta?” chiese l’elfa
“E’ pronta” disse Eragon. Il Cavaliere prese due ciotole dalle bisacce e le riempì. Mangiarono senza proferir parola godendo della reciproca compagnia.
Fu Eragon a rompere il silenzio “Credi che Teirm sia già sotto attacco?” chiese
“Non lo so. Forse.” Disse l’elfa “Ma presto lo scopriremo.”
Era quasi notte quando i draghi ritornarono dalla caccia. Le stelle illuminavano la volta celeste. Eragon si soffermò a guardare il paesaggio.

“A cosa servono questi alberi verdi, a cosa serve il canto di un uccello, a cosa serve il sorgere del sole, a cosa serve una notte stellata? Che scopo ha tutto ciò?” si chiese il Cavaliere.
“Non esiste uno scopo. Per questo la vita è così bella.” Rispose la dragonessa
“Avete preso qualcosa di buono?” chiese Eragon a Saphira
“Solo un cervo rinsecchito” rispose Saphira con uno sbuffo.
“Allora perché sei così felice?” chiese il Cavaliere
La dragonessa gli mostro alcuni episodi della caccia ed Eragon apprese che Fìrnen aveva catturato un cervo e lo aveva diviso con Saphira.
“Voi invece vi siete divertiti?” chiese Saphira maliziosa.
“No. E voi?” chiese Eragon con un sorriso di sfida.
La dragonessa non rispose e si accoccolò vicino a Fìrnen. Il drago strofinò il muso sul collo sinuoso della dragonessa. Eragon provò una punta di invidia verso loro due. Almeno ricambiavano il loro amore reciprocamente.
“Buonanotte Eragon” disse Arya alle sue spalle. L’elfa si era sdraiata a poche iarde di distanza da lui. Avevano deciso di non montare la guardia perché grazie al loro stato di dormi-veglia avrebbero sentito qualsiasi creatura in avvicinamento.
“Buonanotte” disse Eragon sistemandosi nel sacco a pelo. In quella notte lascio che fossero il buio a cullarlo con il suo silenzio e le stelle a ricordargli che esiste sempre una luce che brilla e che indica il cammino. E questo gli diede speranza.

*********



Il mattino seguente si erano alzati all’alba e dopo aver consumato una magra colazione a base di frutta secca si erano messi in viaggio verso Teirm. Era quasi l’ora di pranzo quando la scorsero, era proprio come se la ricordava, la cittadina bagnata dal mare scintillante, dove fiere navi erano ormeggiate con le vele imbrogliate. In lontananza si udiva il sordo fragore della risacca. La città era cinta da una muraglia bianca alta cento piedi e spessa trenta, con file di feritoie rettangolari e un camminamento in cima per i soldati e le sentinelle. La superficie liscia della muraglia era interrotta da due saracinesche di ferro, una che affacciava a ovest, sul mare, l'altra che si apriva a sud, sulla strada. Al di sopra della muraglia, addossata alla sua sezione settentrionale, si ergeva un'enorme fortezza fatta di pietre gigantesche e torrette. Nella torre più alta riluceva la lanterna di un faro. Il castello era l'unica cosa visibile al di là della fortificazione.
Ma qualcosa non andava, alcune persone si affrettavano ad entrare nella città portandosi dietro tutti i loro averi, molto probabilmente erano contadini, il Cavaliere espanse la mente verso di loro e scoprì paura, ma la domanda era: di cosa avevano paura quelle persone?
“Eragon guarda lì!” disse Saphira
Lo sguardo di Eragon cadde sulle campagne circostanti alla città. Allora capì il motivo di tanta agitazione, un esercito si stava muovendo verso di essa, ma c’era dell’altro. Quattro grosse figure sorvolavano i cieli sopra di esso. Lethrblaka.
“Non è possibile” mormorò il Cavaliere “Guarda” Eragon le indicò ad Arya che volava su Fìrnen affianco a Saphira.
L’elfa li vide e sbiancò di colpo “Ma non dovrebbero essere estinti?” chiese lei
“In Alagaësia, ma Nasuada ha detto che l’esercito Ombra viene da fuori i confini di Alagaësia.” Disse Eragon
“Credi che ci siano anche i Ra’zac?” chiese l’elfa
“Forse, ma spero vivamente di no” rispose Eragon preoccupato alla prospettiva di combatte contro quelle bestie.
Nel frattempo due dei quattro Lethrblaka si erano staccati dal gruppo e si stavano dirigendo verso i poveri contadini in fuga.
“Saphira i Lethrblaka” disse Eragon
La dragonessa comprese le preoccupazioni del suo Cavaliere e con tre poderosi battiti di ali si posizionò sopra i Lethrblaka, prima che questi potessero fare qualsiasi cosa si lanciò in picchiata perpendicolare al terreno fiondandosi sopra una delle ignare creature.
Saphira affondò le sue letali zanne nel collo del Lethrblaka e con un’improvvisa torsione del capo gli spezzo il collo. La carcassa della creatura cadde inerte al suolo.
Stessa sorte toccò all’altro Lethrblaka, solo che questo fu ucciso con una zampata da parte di Fìrnen che lacerò il petto della creatura.
Dei lamenti provennero dalle loro spalle, gli altri due Lethrblaka, vedendo i loro compagni morire si stavano precipitando verso di loro. Quando furono a trecento iarde di distanza dai due draghi, Saphira emise un possente ruggito di ammonimento, talmente forte che Eragon dovette coprirsi le orecchie a causa del suo fine udito, il buon senso delle due creature prevalse e decisero di ritirarsi. Non avrebbero mai potuto competere contro due draghi adulti.
Saphira e Fìrnen si diressero verso il castello del duca di Teirm. Atterrarono tra la gente impaurita, ma i Cavalieri li ignorarono e si precipitarono nella sale del trono del castello.
Il palazzo era moto lussuoso, forse anche più di quello di Ilirea, le mura erano piene di quadri e arazzi delle più svariate dimensioni. Ma la cosa più straordinaria era il numero di biblioteche. Le pareti piene di scaffali erano zeppi di libri, dalla geografia alla storia, dall’astronomia alla medicina e ogni altra disciplina immaginabile.
“Questa è la più grande biblioteca in Alagaësia dopo quella di Ellesmera.” Disse Arya in risposta al suo stupore.
“Dov’è la sala del trono?” chiese Eragon
“Non ci sono mai stata qui, sarà meglio chiedere a qualcuno.” disse l’elfa
Eragon si guardò in torno. La biblioteca sembrava totalmente vuota. Esplorarono diverse file di scaffali prima di trovare un uomo intento a sfogliare un grosso volume dalle pagine gialle.
“Mi scusi, ci potrebbe indicare la sala del trono?” chiese Arya
“Solo un attimo” disse l’uomo continuando a sfogliare il libro. Dopo alcuni minuti, fece un sospiro e posò il libro con aria insoddisfatta. Molto probabilmente non aveva trovato quello che cercava. Si girò verso l’elfa e appena la riconobbe fece un profondo inchino “Atra du evarínya ono varda, Arya Svit-kona” disse
“Jeod!” esclamò Eragon con aria sorpresa. Il Cavaliere non poteva credere che il vecchio studioso fosse davanti a lui. Era passato così tanto tempo dall’ultima volta che lo aveva visto, da quel giorno in cui gli aveva detto addio prima di montare su Saphira e partire per Ellesmera.
Jeod si girò verso il Cavaliere “Eragon? Sei tu?” chiese. Un sorriso che andava da un orecchio all’altro si formò sul volto dell’uomo. “Ragazzo mio!” esclamò abbracciandolo.
Eragon rise mentre Jeod lo abbracciava, gli era mancato molto il vecchio studioso.
“Che cosa ci fai qui, Ammazzaspettri?” chiese Jeod poco dopo.
“Nasuada ci ha mandati qui per difendere la città.” Disse semplicemente Eragon
“Mmm, stavo giusto facendo alcune ricerche sull’esercito Ombra, ma a quanto pare non ci sono testimonianze di altri eserciti che in passato sono venuti da fuori i confini di Alagaësia.” Disse lo studioso.
“Davvero non è mai successo?” chiese stupito il Cavaliere.
Jeod scosse il capo “Ma ritornando a noi, cosa volevate chiedermi?”
“Vorremo parlare con il duca, ci potresti dire dove si trova la sala del trono?” era stata Arya a parlare.
“Si, potrei dirvi dove sia la sala del trono, ma il duca raramente si trova in essa. La maggior parte della giornata la passa nei giardini del palazzo. E’ un tipo che ama la tranquillità, tranne di sera che spesso organizzare balli e feste in ogni tipo di occasione per venire a conoscenza di ogni tipo di pettegolezzo.” Disse Jeod. “Vi potrei portare nei giardini del palazzo.” Aggiunse
“Te ne saremo grati.” Disse Eragon
“Bene seguitemi.” Detto questo Jeod si incamminò verso l’uscita della biblioteca seguito a ruota da Eragon e Arya.


*********


Attraversarono decine di corridoi prima di giungere a una larga terrazza che affacciava su un’incantevole giardino. Quando scesero la grande scalinata di marmo furono investiti dall’aroma dei numerosissimi tipi di fiori che adornavano le aiuole. C’è n’erano d’ogni genere, dalle rose ai tulipani, dai gelsomini alle viole, insieme formavano un prato multicolore intervallato solo da alcuni cespugli a forma di animale. Solo i giardini del palazzo Tialdarì potevano competere con quello spettacolo. Davanti a lei anche Eragon era rimasto incantato dalla bellezza della natura. Nel frattempo il piccolo gruppo proseguì fino a un spiazzo. In mezzo ad esso si poteva ammirare una fontana e attorno ad essa alcune panchine erano state disposte in cerchio. Su una di queste panche c’era seduto un uomo di mezza età. Aveva un viso gioviale, i suoi capelli erano neri screziati di grigio e portava una folta barba ben curata. I suoi vestiti erano degni del più potente dei regnanti, portava una casacca verde dai bottoni d’oro e un lungo mantello rosso contornato con pelliccia di ermellino. L’uomo era circondato da una decina di persone, molto probabilmente nobili dedusse Arya dai loro vestiti sfarzosi e dai loro movimenti da aria superiore. In quel momento lei ed Eragon indossavano le loro tuniche da Cavalieri dei Draghi, vesti semplici ma eleganti.
“Ma datevi un contegno” si disse Arya
L’elfa per poco non si mise a ridere quando notò lo sguardo degli uomini che dovevano essere i mariti delle “civette”. Questi rivolgevano sguardi di rimprovero alle mogli e occhiate infuocate all’affascinante Cavaliere che aveva rubato le attenzioni delle loro donne.
“Fatevene una ragione, non potete competere con lui.” Pensò Arya non sapendo se era un bene o un male.
Una delle nobili in particolare sembrava voler attirare l’attenzione de Cavaliere. Aveva dei fluenti capelli biondi e degli occhi di un grigio magnetico. Indossava un lungo vestito rosso pieno di pizzi, scollato sul seno lasciando ben poco all’immaginazione.
“Ecco la regina delle civette” pensò Arya
“Quanto siamo gelosi oggi” disse Fìrnen nella sua testa
“Cosa? Io non sono gelosa” disse l’elfa indignata
“Ma davvero? Quindi mi aspetto che tu e la civetta diventiate ottime amiche” disse sarcastico il drago
“E d’accordo, forse sono un pochino gelosa” si arrese Arya, non poteva nascondere nulla al suo compagno di mente.
“Chi sei tu? Che ne hai fatto dell’Elfa ho-sempre-ragione-io e so-tutto-io?” chiese il drago
“Ma smettila” L’elfa rivolse lo sguardo ancora una volta verso la donna-civetta. “Giuro che se lo guarda ancora una volta in quel modo la incenerisco”
“Siamo aggressive eh?”
Arya non gli rispose, era intenta a maledire la civetta. Nessuno poteva guardare il suo Eragon in quel modo.
“Il tuo Eragon? Facciamo in fretta a reclamare dominio su qualcosa.” Disse il drago
“Ma tu non stavi con Saphira?” poi improvvisamente comprese “Tu sei geloso!” non era una domanda. Per poco non scoppiò a ridere
“Cosa, io geloso? Ma fammi il piacere.” Disse il drago.
“Si, sei geloso” disse l’elfa
“Impossibile, i draghi non sono mai gelosi” detto questo Fìrnen troncò la conversazione.
Nel frattempo Eragon si era fermato a parlare con il duca sull’esercito e quando arrivò alla scoperta dell’alleanza con i Ra’zac il duca per poco non cadde dalla panchina. Parlarono per una buona ora finché non furono congedati, dopo aver salutato tutti i presenti, tranne una certa persona per Arya, furono condotti nelle loro camere. Arya salutò Eragon prima di entrare nella sua stanza dove era stato preparato un catino con dell’acqua calda, si lavò ed indossò la sua armatura a scaglie.
Quasi un’ora dopo qualcuno bussò alla sua porta.
“Chi è?” chiese Arya
“Sono Eragon. Il duca ci aspetta nella sala del trono, è arrivato un messaggero dall’esercito Ombra” disse questi
Arya andò ad aprire, appena vide Eragon il suo cuore iniziò a battere più velocemente. Il Cavaliere indossava la sua armature a scaglie di drago come la sua, solo che questa era blu.
“C’è qualcosa che non va?” chiese Eragon fissandosi l’armatura in cerca di qualcosa che non andasse.
“No, non è niente” disse Arya distogliendo lo sguardo.
Il Cavaliere la fissò per qualche secondo “Va bene, allora andiamo.” Disse prima di incamminarsi verso la sala del trono chiedendo informazioni a un maggiordomo.
La sala del trono era forse la stanza più decorata di tutto il castello. Le pareti erano piene di quadri e i pavimenti pieni di tappeti della più pregiata fattura. Il duca stava parlando con un uomo tarchiato.
“…se voi vi arrenderete non vi accadrà nulla.” Stava dicendo questi
“Arrenderci?” sbraitò il duca “Arrenderci? Piuttosto la morte! Io e i mio popolo non ci arrenderemo mai a voi sudici forestieri. Questa è la nostra terra, la nostra patria e combatteremo con le unghie e con i denti per tenercela, quindi andate a dire alla vostra regina che dovrà passare sui nostri cadaveri per averla.”
Il duca si accorse di loro e un sorriso si dipinse sul suo voto. “Le voglio presentare qualcuno.” Disse al messaggero venendo verso di loro. “Lei è Arya figlia di Islanzadi, ex regina degli elfi, Ammazzaspettri e Cavaliere dei Draghi.” Lo sguardo del messaggero non tradì nessuna emozione. “Lui invece” disse il duca facendo un lieve inchino “è Eragon Bromsson, Capo dei Cavalieri dei Draghi, Ammazzatiranni e Ammazzaspettri, Cavaliere della dragonessa Saphira Squamediluce.” Il messaggero sembro perdere un po’ della sua sicurezza.
“Avrete anche due Cavalieri ma noi abbiamo un esercito e non due guardie.” Disse questi riprendendo la sua baldanza.
“Vinceremo lo stesso” disse convinto il duca
“Sicuramente il Cavaliere Eragon ce la farà a battervi” disse una voce femminile alle loro spalle.
Con sgomento di Arya dietro di loro c’era la stessa donna-civetta di prima solo con un abito diverso e ancora più scollato del precedente.
“Questa mattina non abbiamo avuto il tempo delle presentazioni” disse il duca “Lei è la contessina Liviana del casato Bagor.”
Liviana fece un lieve inchino verso Arya senza degnarla di uno sguardo, i suoi occhi erano concentrati sull’affascinante Cavaliere. Porse la mano a questi.
“Sono onorato di conoscerla contessina” disse Eragon baciandogli la mano.
“Il piacere è tutto mio Cavaliere” disse Liviana con aria da civetta guardando Eragon con lussuria.
“Giuro che ora Liviana farà una brutta fine se non la smette di guardarlo così” si disse Arya.
“Ma ancora con questa storia?” disse Fìrnen
“Ma hai visto che civetta? Ma non si vergogna a comportarsi in questo modo? Poi non mi ha degnata di uno sguardo.” Ribatté l’elfa.
Il drago sospirò “Sei proprio cotta” disse
“Si, lo ammetto sono innamorata di Eragon” disse l’elfa
“D’accordo, ora mi stai davvero mettendo paura, prima era impossibile farti ammettere qualcosa.” Disse il drago
“Non è vero.” Disse l’elfa
“Ora ti riconosco” affermò Fìrnen e si ritirò dalla sua mente.
Il messaggero se n’era andato.
“Prepariamoci alla battaglia” disse il duca.
Ora non potevano far altro che attendere che l’inferno si scatenasse.


Che ne pensate? :blink:
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da Saphira00 » 6 maggio 2013, 13:15

:laugh: brava!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Penso che sei stata bravissima! Mi è piaciuto un sacco quando Arya imprecava contro la "civetta"! :lol:
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 941
Iscritto il: 27 marzo 2013, 0:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

Re: RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 6 maggio 2013, 18:14

Saphira00 ha scritto::laugh: brava!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Penso che sei stata bravissima! Mi è piaciuto un sacco quando Arya imprecava contro la "civetta"! :lol:


Grazie, non finirà qui la guerra di Arya contro la civetta ci puoi giurare. :arms: :arms: :arms: :arms: :arms:
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 13 maggio 2013, 12:52

Ecco un nuovo cappy :D
Devo dire che descrivere una battaglia non è proprio il mio forte :sorrisone:
Ho fatto quello che ho potuto, sicuramente farà letteralmente schifo questo capitolo :arghhh:

Scoppia l'inferno

Eragon era in groppa a Saphira. L’esercito Ombra era in avvicinamento e con esso Eragon sapeva sarebbe arrivata anche morte e distruzione. Quell’esercito era diventato una piaga per Alagaësia, una piaga che doveva essere ricucita al più presto.
Erano passati all’incirca diciassette anni da quando Eragon non uccideva in battaglia e non sapeva se sarebbe stato capace di farlo ancora. Non gli era mai piaciuto uccidere, prendere delle vite. Ogni volta che uccido, si diceva, lo faccio per una buona causa, per salvare le persone a me care. Ma se anche questi soldati tenevano una famiglia? Una moglie, dei figli, qualcuno che gli voleva bene ma che non li avrebbe mai più potuti abbracciare? Erano queste le domande che tormentavano la mente del Cavaliere mentre il nemico si avvicinava.
“Non ti tormentare con queste domande Eragon. Noi lo facciamo per loro” gli disse Saphira mostrandogli alcune immagini delle donne e dei bambini che quella mattina avevano aiutato a nascondersi nei sotterranei del palazzo cosicché in caso di sconfitta, sarebbero riuscite a salvarsi scappando per i tunnel sotterranei. “E’ per loro che combattiamo, per dargli una vita migliore e un futuro ai loro figli in una terra libera del male e dall’oppressione.”
“Grazie Saphira, non so cosa farei senza di te” disse Eragon mentre un peso si toglieva dal suo cuore.
“Piccolo mio” sussurrò lei mandandogli una quantità di affetto tale da farlo sorridere anche in quel momento così tragico. In quegli anni la sua Saphira era stata come un balsamo per il dolore dovuto alla lontananza dalla sua terra e dai suoi affetti.
Il Cavaliere si girò verso l’elfa, Arya, anch’essa su Fìrnen era affianco a loro, entrambi pronti per combattere. Il drago smeraldo muoveva la coda inquieto come se stesse per balzare su una preda. In quel momento il Cavaliere si rese conto che Fìrnen non aveva mai combattuto in una guerra, lui era nato dopo la morte del re oscuro.
“Se la caverà” gli disse la dragonessa per dissipare i suoi dubbi “non temere, lui è più grande di quando io ho combattuto nel Farthen Dùr”
Eragon annuii e ritornò a ripetere il piano per la battaglia. Avevano deciso di difendere la città e non di attaccare il nemico perché sarebbero stati in inferiorità numerica. Il loro esercito era formato per la maggior parete da contadini, mercanti, gente comune che non avevano mai preso una spada in mano ma che si erano fatti avanti per proteggere i loro cari e la loro casa, solo un ristretto gruppo era formato da soldati addestrati. Eragon, insieme ad Arya aveva visto il loro “esercito” quella mattina. Nello sguardo di ogni uomo il Cavaliere aveva letto paura ma anche la voglia di vivere liberi.
Avevano posizionato una parte degli uomini sul camminamento per soldati in cima alla cinta di mura e distribuito archi e frecce a ognuno. Il piano era semplice, quando l’esercito nemico sarebbe stato a tiro, avrebbero cercato di ucciderne la maggior parte.
Il Cavaliere ritornò a posare lo sguardo sul nemico, mancava poco. Un’altra manciata di secondi e sarebbero stati sotto tiro. Ora che erano più vicini il Cavaliere poté scorgere il generale dell’esercito seguito da sei figure coperte da lunghi mantelli. Eragon credeva di sapere chi fossero o cosa fossero, ma la prospettiva non lo allettava molto. I due Lethrblaka volavano in cerchi concentrici sopra di loro.
Nell’aria si poteva sentire già il gracchiare dei corvi, che richiamati dall’imminente battaglia, sapevano che ben presto avrebbero fatto un lauto pasto.
“Mirate” urlò il Cavaliere in modo che tutti lo sentissero. Gli uomini presero le frecce dalle faretre, le incoccarono e mirarono contro l’esercito nemico.
“Lanciate” Urlò Eragon. La pioggia di frecce traccio un arco nel cielo diffondendo nell’aria un grande sibilo. I soldati nemici presi alla sprovvista, non riuscirono a riararsi in tempo dietro i loro scudi. Le prime tre file nemiche caddero sotto la raffica di frecce, ma come c’era da immaginarselo il generale e le sei figure con il mantello erano coperti da barriere magiche che ridussero le frecce dirette verso di loro in cenere prima che potessero avvicinarsi di più. Il Cavaliere era sicuro che l’esercito fosse provvisto di maghi quindi espanse la mente e li trovò quasi subito, erano in cinque, riuscì a prendere quattro delle menti degli stregoni e li uccise con una delle parole di morte, ma il quinto si ritrasse prima che potesse riprovarci e nascose la sua mente.
“Mirate” urlò ancora una volta il Cavaliere. “Lanciate.” Come c’era d’aspettarselo il risultato questa volta non fu alto come prima, la maggior parte degli uomini si era riuscita a coprire con i scudi. Il Cavaliere diede l’ordine di lanciare altre tre volta, ma i risultati furono quasi nulli.
Oramai l’esercito era arrivato alle mura e gli uomini stavano già alzando le lunghe scale di assedio seguite dalle catapulte.
“Brisingr” urlò Arya alla sua destra e le scale che i soldati nemici erano riusciti ad erigere presero fuoco rendendole inutilizzabili.
Prima che i due draghi potessero fare qualcosa, i Lethrblaka si lanciarono in picchiata sulle mura uccidendo una ventina di uomini e facendone cadere altrettanti. Saphira si lanciò contro di loro evitando di sputare fuoco per non colpire anche gli uomini sulle mura. L’impatto fece sobbalzare Eragon che si tenne stretto a una delle punte cervicali d’avorio della dragonessa. La dragonessa e il Lethrblaka si strinsero in un abbraccio feroce, le zampe di dietro che sferravano calci nel ventre dell'altro; gli artigli stridevano sulla corazza di squame di Saphira e sulla pelle coriacea del Lethrblaka. Saphira riuscì ad allontanarlo con una zampata per un istante, poi tornarono a lanciarsi l'uno contro l’altro, tentando di azzannarsi il collo a vicenda. Quando il collo del Lethrblaka fu abbastanza vicino, Eragon lo decapitò con un fendente di Brisingr, la spada attraversò il collo della bestia come un coltello attraversa un pezzo di burro.
Mentre Eragon e Saphira lo uccidevano, anche il secondo Lethrblaka aveva attaccato Fìrnen, ma il drago eruttò una fiammata verde e prima che il nemico potesse scappare o contrattaccare Arya lo uccise con un incantesimo.
Nel frattempo l’esercito nemico aveva iniziato a battere con una grossa ariete le porte della città. Ad ogni colpo un grosso boato si propagava nell’aria. Fìrnen e Saphira si lanciarono in picchiata sull’esercito, ma prima che riuscissero ad avvicinarsi una raffica di frecce dall’impennaggio nero fu scagliata contro di loro. Con sommo stupore di Eragon queste non furono fermate da i loro incantesimi di difesa e trapassarono le membrane fragili dei due draghi in diversi punti. Saphira e Fìrnen lanciarono ululati di doloro prima che i loro Cavalieri li curassero.
“Sono stregate” urlò Arya ad Eragon.
“Atterriamo dentro le mura, non possiamo fare altro” disse il Cavaliere
L’elfa assentì e i due draghi virarono verso l’interno delle mura atterrando davanti alle porte. I due Cavalieri smontarono ed estrassero le spade.
Thum
Le porte stavano per cedere, non avrebbero retto a lungo. Un silenzio di tomba era sceso nella città di Teirm che fino al giorno prima era piena delle risa dei bambini che giocavano nelle sue strade e delle chiacchere delle donne che si raccontavano tutti i pettegolezzi. In quel momento l’unico rumore che si poteva sentire era il silenzio della morte.
Thum
Quel silenzio stava diventando più opprimente di qualsiasi altro rumore. Le porte iniziarono a ripiegarsi su se stesse. Al rumore dell’ariete contro le porte si aggiunse il strepitio del legno che andava in frantumi.
Thum
L’ultimo thum fu il più forte e con esso le porte cedettero, cadendo verso l’interno. Un nube di polvere si alzò, oscurando tutto per alcuni secondi che al Cavaliere sembrarono interminabili. Poi delle figure emersero dalle porte ormai in pezzi e si avventarono contro di loro. In quel momento per il Cavaliere sembrò di essere in un sogno, al suo fianco Saphira e Fìrnen lanciarono un ruggito di guerra.
L’attesa era finita, la battaglia era iniziata.
**********


Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata.
L’aria era gremita dello stridulo del metallo contro metallo e delle urla degli uomini che perdevano la vita. Per ogni uomo che Arya uccideva ce n’era altri due che prendevano il suo posto, l’esercito nemico sciamava dalle porte della città come un fiume in piena. Con la coda dell’occhio l’elfa vide Eragon mozzare teste di uomini con precisi fendenti della sua spada, il suo volto distorto da un ghigno malevolo: furente, roteava la spada, sbaragliando ogni avversario.
Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata.
Questa era la danza che Arya stava ballando in quel momento, una danza di morte. L'odore metallico del sangue impregnava l'aria, in alto, i voraci spazzini del cielo aspettavano il lauto banchetto, mentre il sole proseguiva il suo cammino verso lo zenit. Arya si volteggiava con grazie nella confusione della battaglia, la sua rapidità era superiore alla capacità di reazione dei soldati; con una forza sovrumana schiantava scudi con un colpo solo, squarciava armature e spezzava le armi di chi gli si opponeva.
Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata. Fendente, stoccata, parata.
Arya piombò su un gruppo di sei soldati, menò fendenti a destra e a manca, ma quando stava per uccidere l’ultimo soldato, una corrente d’aria, molto probabilmente di origine magica la scaraventò conto un muro di un edificio. La botta fu talmente forte che gli mozzò il respiro in gola, sangue caldo gli scendeva da una ferita alla tempia. Davanti a lei si pararono le sei figure incappucciate, una di loro avanzò verso di lei
“Bene, bene, bene. Ma che bella elfetta che abbiamo qui. Devo ammetterlo, ci avete quassssi sssconfitto tu e il tuo amichetto. Ma tu non sssarai più un problema.” Disse questi levando una spada grondante di sangue.
Arya non aveva nemmeno più la forza di combattere, sapeva che la sua fine era vicina. Gli dispiaceva lasciare solo Fìrnen, ma ancor di più l’addolorava non aver detto a Eragon che l’amava.
Guardò il suo assalitore, un Ra’zac ne era certa dell’odore che emanava la creatura, un odore come di qualcosa in decomposizione. Il dolore alla tempia si fece più acuto e il mondo iniziò a sbiadire. Sentì un uomo urlare, era una voce conosciuta ma non ci fece caso. Guardò la spada compire inesorabile il suo tragitto verso di lei. Ma il colpo non lo avrebbe mai sentito perché svenne. Il suo ultimo pensiero fu rivolto ad Eragon.

*********


Col passare delle ore, Eragon si sentiva sempre più stanco e dolorante; privato di molte delle sue arcane difese, accumulò decine di ferite minori. Un fiotto di sangue caldo, misto a sudore, gli colava da un taglio sulla fronte accecandolo di continuo. Il Cavaliere uccise tre soldati con un unico fendente, poi i suoi occhi si soffermarono su Arya che combatteva poco lontano da lui, anche durante la furia della battaglia gli sembrava sempre la creatura più bella di tutte.
L’elfa piombò su un gruppo di soldati e li uccise con grazia felina ma quando stava per ucciderne l’ultimo, il Cavaliere la vide essere scaraventata contro un muro. Sei figure incappucciate si strinsero a semicerchio attorno a lei. Una di esse si fece avanti levando la spada.
“No-ooo” urlò Eragon.
Il Cavaliere uccise con una stoccata l’ennesimo soldato precipitandosi il più velocemente possibile verso Arya. Non poteva crederci, non voleva crederci, proprio quando stavano vincendo. Oramai solo pochi soldati erano rimasti dell’imponente esercito nemico. Saphira e Fìrnen stavano combattendo a terra con le zanne e gli artigli, dilaniando tutti gli sfortunati uomini che si trovavano a tiro.
Più veloce di quanto credesse esserne capace Eragon si ritrovò in mezzo ai Ra’zac, giusto in tempo per bloccare la stoccata che stava per raggiungere il collo dell’Elfa. Con rabbia si lanciò contro coloro che avevano osato attaccare la sua amica, la sua compagna di avventure e di viaggi, l’elfa che gli aveva cambiato la vita, l’unica donna che avrebbe mai amato, in un’unica parola Arya.
Gli assalitori sorpresi dall’attacco subito ci misero un po’ di tempo per contrattaccare e Eragon adoperò quella distrazione per ucciderne due. Una mente estranea si abbatté sulla sua facendogli perdere la concentrazione per alcuni secondi, ma che bastarono a uno dei Ra’zac di ferirgli di striscio una spalla.
Per il Cavaliere quel combattimento era durato fin troppo, con un impeto di rabbia urlò “Deyja” e i quattro Ra’zac rimasti caddero morti ai suoi piedi. Il suo sguardo irato si spostò sul mago poco distante da lui che lo guardava con occhi spaventati comprendendo il grave errore che aveva fatto scatenando l’ira del Cavaliere. Il mago cercò di scappare ma Eragon con un balzo coprì la distanza tra loro due, lo afferrò per la gola e gridò “Jierda” il collo del mago si spezzò con uno sciocco raccapricciante. Eragon lasciò la presa dal collo del mago e spostò i suoi occhi sulla figura che giaceva immobile contro la parete dell’edificio.
Lentamente il Cavaliere si avvicinò ad Arya, si inginocchiò accanto a lei e le posò una mano sul collo. Lanciò un sospiro di sollievo quando capì che l’elfa era viva. Il Cavaliere gli carezzò dolcemente una guancia prima di focalizzare la propria attenzione sul taglio sulla tempia dell’Elfa. Con un semplice incantesimo riportò la pelle dell’Elfa al suo stato originale. Nel frattempo Fìrnen era atterrato poco distante da loro e si era precipitando verso la sua compagna di mente e di cuore.
“Come sta?” chiese preoccupato
“Bene, è solo svenuta” rispose il Cavaliere prendendo in braccio l’elfa
“Eragon?” il Cavaliere si girò ancora una volta verso il drago smeraldo.
“Si?” chiese
“Grazie” rispose Fìrnen
“Per cosa?” chiese Eragon
“Per averla protetta” rispose risoluto il drago
Il Cavaliere gli rivolse un sorriso sincero “Per Arya questo ed altro”
“Lo so Eragon, ma lascia che ti dica una cosa: anche lei farebbe lo stesso per te” disse Fìrnen lasciando intendere diversi significati.
Il Cavaliere lo guardò senza capire ma decise di non chiedere spiegazioni al drago e si incamminò verso il castello.
Fìrnen guardò il Cavaliere e poi sospirò “Perché sei così ceco da non capire?” Chiese a se stesso.


Che ve ne pare? :blink:
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da Saphira00 » 13 maggio 2013, 13:31

Bello (come al solito) e secondo me la battaglia l'hai descritta benissimo!!!! :D L'ultima parte: bellissima! :innamorato:
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 941
Iscritto il: 27 marzo 2013, 0:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

Re: RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 14 maggio 2013, 18:47

Saphira00 ha scritto:Bello (come al solito) e secondo me la battaglia l'hai descritta benissimo!!!! :D L'ultima parte: bellissima! :innamorato:


Grazie, almeno tu mi sostieni se no avrei già abbandonato la ff da tempo :rolleyes:
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da smeraldina96 » 14 maggio 2013, 20:19

concordo con Saphira00, molto bella la descrizione della foga della battaglia!!!!!! brava continua :D...
Immagine[http://i43.tinypic.com/2hyj52x.jpg[/img][/url]
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1855
Iscritto il: 13 giugno 2012, 23:00
Località: Rupe di Tel'naeir
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues

da Saphira00 » 14 maggio 2013, 20:25

N-O-N provare a mollare qui la tua ff!!! [smilie=rtfm.gif] :P
Avatar utente
Cavaliere Mago
Cavaliere Mago
 
Messaggi: 941
Iscritto il: 27 marzo 2013, 0:00
Località: Alagaesia
Sesso: Femmina

Re: RE: The Story Continues

da DaubleGrock » 14 maggio 2013, 21:36

Saphira00 ha scritto:N-o-N provare a mollare qui la tua ff!!! [smilie=rtfm.gif] :P


Daccordo, daccordo ti prometto che non lascerà mai la mia ff :angel:
anche perchè non mi piace lascire un lavoro in sospeso :D :D :D

smeraldina96 ha scritto:concordo con Saphira00, molto bella la descrizione della foga della battaglia!!!!!! brava continua :D...


Grazie :)
Per il prossimo capitolo credo che mi concentrerò un pò sulla "coppia" Eragon/Arya
Ci sarà il primo bacio? Si confideranno il loro amore?
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

RE: The Story Continues...

da DaubleGrock » 23 maggio 2013, 21:45

Così è come io immaggino Eragon (tranne un pò per i capelli e la spada che non sono riuscita a trovarla come Brisingr)

Immagine

Qui Eragon indossa la tunica da Cavaliere, porta l'arco cantato da Islanzadi anni prima e "Brisisngr"
Come lo avreste immagginato voi?
Immagine
"I looked at him and I saw myself"
by Hiccup to Astrid in How To Train Your Dragon I
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1022
Iscritto il: 18 febbraio 2013, 0:00
Località: Ovunque mi porti il vento
Sesso: Femmina

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE